Usa: uomo spara in un centro commerciale, morto anche il killer

Negli Stati Uniti un terribile evento di sangue ha disarmato l’opinione pubblica. Un uomo con indosso un giubbotto antiproiettile ed una maschera da hockey, armato di un fucile semiautomatico ha sparato contro la folla di un centro commerciale di Portland, in Oregon, uccidendo 2 persone e causando il ferimento di molte altre.

La polizia è intervenuta immediatamente ed ha circondato il centro commerciale facendo in modo che tutti i presenti riuscissero ad evacuare al più presto. In base a quanto è stato riferito dalle forze dell’ordine, l’uomo che non è stato ancora identificato, avrebbe fatto irruzione nel Clackamas Town Center affollato da centinaia di persone e prima di iniziare a sparare avrebbe affermato “I am the shooter”, che tradotto in italiano significa “io sono un tiratore” e dopo ciò avrebbe quindi aperto il fuoco. L’uomo è morto subito dopo la sparatoria a causa di una ferita auto-inflitta.

La polizia ha reso noto il fatto che non è stato sparato dai propri agenti neanche un colpo all’interno dell’edificio che in quel momento era colmo di gente. I colpi esplosi sarebbe circa una ventina e alcuni testimoni che hanno raccontato l’accaduto hanno riferito di un fuggi fuggi generale mentre una donna sulla quarantina si è accasciata a terra perché colpita a morte e molti altri cercavano di nascondersi per sfuggire alla furia dell’uomo.