Carnevale 2013 nel mondo: colori, maschere e tradizioni

CulturaCarnevale 2013 nel mondo: colori, maschere e tradizioni

Data:

carnevale-2013E’ sempre piacevole respirare aria di festa ed è per questo che abbiamo deciso di ‘fare il giro del mondo’ in occasione del Carnevale 2013. La festa di Carnevale è attesa dai più piccini ma anche dai grandi e vuol dire ovunque: musica, colori, maschere, divertimento e tradizioni. Come disse lo scrittore, pittore e poeta Jhon Ruskin: “Le menti più pure e più pensose sono quelle che amano i colori”.

Per quanto riguarda l’ITALIA, il festeggiamento più sfarzoso è quello del Carnevale di Venezia: nell’atmosfera particolare della laguna, questo è famoso per la bellezza dei costumi e delle maschere. Quest’anno la campionessa di pallavolo Francesca Piccinini, avvolta nell’abito di Pietro Longhi che faceva spiccare le sue doti fisiche, si è librata nel tradizionale ‘Volo dell’aquila’ a Piazza San Marco! Appesa ad un cavo d’acciaio, l’atleta si è lanciata dal campanile e dopo ha affermato: “Amo le sfide e scendere dal campanile di San Marco è stata senza dubbio una sfida incredibile, affrontata coraggiosamente senza alcuna prova e accorgendomi solo all’ultimo che scendevo da 100 metri e non da 80 come pensavo. Ora che sono scesa però posso dire d’aver vissuto un’esperienza indimenticabile”. Altro Carnevale apprezzato è quello di Viareggio: è caratterizzato dai carri allegorici, satirici ed ironici, che sfilato per le strade della città e sui quali troneggiano caricature in cartapesta di personaggi famosi, facenti parte del mondo politico, culturale e dello spettacolo. Quest’anno i carri hanno sfilato nel gelo e hanno riscaldato tutti con la loro simpatia, in particolare le maschere di Monti e Napolitano! Storico è anche il Carnevale di Ivrea: questa festa è famosa per la Battaglia delle Arance che rappresenta la rievocazione storica della ribellione del popolo alle tasse sul matrimonio e sul grano del marchese tiranno, probabilmente Ranieri di Biadrate. Quest’anno, come quasi ogni Carnevale, ha avuto anche momenti non piacevoli: uno degli aranceri, a bordo di un carro, ha accusato un malore ed è morto poco dopo di infarto. Episodi come questo, o simili, sono successi anche altre volte, dato il forte entusiasmo nell’aria di Torino. A colpi di arance, che rappresentano frecce, trascorre questo tipo di Carnevale bizzarro. Famoso è il Carnevale di Acireale, considerato come il più bello della Sicilia: splendidi sono i carri allegorici infiorati e l’aria di festa è un motivo per ripercorrere le bellezze barocche della città, non sempre promosse ai turisti.

Da Piazza San Marco e dalle meraviglie italiane si passa…in BRASILE, alla Samba a Rio de Janeiro! Come tutti sanno, il Carnevale brasiliano rappresenta uno show senza pari nel mondo! Tripudio di colori e vestiti sfavillanti: è questa l’anima di Rio! Questo tipo di festa, oltre che per le strade, si svolge soprattutto presso il Sambodromo. Durante la sfilata, alla quale partecipano numerose scuole di samba, non si riescono a definire le singole persone perché ogni ballerino si fonde agli altri ballerini in un solo elemento vitale! I colori di Rio sono i più famosi al mondo e questo Carnevale è amato anche da molte star di Hollywood: quest’anno, per esempio, era presente Will Smith! Anche durante questo tipo di festa ogni tanto si presentano eventi spiacevoli: a Cordao da Bola Preta hanno partecipato così tante persone che molte hanno dovuto chiedere assistenza medica, per il troppo caldo afoso presente. Ciò che rimane impresso è, senza dubbio, il movimento indecifrabile delle ballerine! Il samba, sviluppatosi come genere alternativo di musica all’inizio del XX secolo, incanta qualsiasi occhio umano, non bisogna essere per forza appassionati di ballo per lasciarsi trasportare da quei ritmi!

Molto famoso è anche il Carnevale in SPAGNA, in particolare quello di Cadiz: maschere, musica e migliaia di persone invadono le strette viuzze arabe della capitale e carri allegorici sfilano durante le domeniche del mese. La festa spagnola termina con il tripudio di luci provate dai fuochi d’artificio! Molto importante è l’elemento musicale: i cori sono dei gruppi che viaggiano attraverso le strade e che cantano accompagnati da un piccolo ensemble di chitarre e liuti; La loro composizione caratteristica è, appunto, il “Tango di Carnevale”. Questa festa irriverente e giocosa è molto simile a quella di Venezia e infatti Cadice è sempre stato uno dei maggiori porti della penisola iberica ad intratteneva rapporti commerciali con la città veneta.

Carnevale non è solo musica, colori e maschere ma anche buon cibo! Le ricette e i piatti tipici di questa festa sono: le bombe fritte ripiene di cioccolato e zuccherate all’esterno; gli struffoli; le castagnole; la frittella veneziana; le chiacchiere; il sanguinaccio; le zeppole e i tortelli di marmellata. Tante prelibatezze…da leccarsi i baffi!

 

 

 

 

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

“Elogio alla dolcezza”: è la vera forza che ci salverà dall’egoismo della nostra società

Lontano da facili lirismi, il saggio di Beatrice Balsamo...

Torino: Il ruolo della donna al tempo degli antichi egizi

Il museo egizio di Torino continua ad attirare sempre...

Fuga dal Belpaese: il 20% degli italiani vorrebbe trasferirsi all’estero

Chi per studio, chi per lavoro e chi per...

Marta Marzotto è morta: addio all’icona di stile italiano

Il primo annuncio su Twitter. È morta Marta Marzotto,...