Genova news, nave contro la torre. Il bilancio: 7 vittime accertate

CronacaGenova news, nave contro la torre. Il bilancio: 7 vittime accertate

Data:

genova-news-incidente-nave-contro-la-torre

GENOVA NAVE CONTRO LA TORRE: Il bilancio delle vittime per la tragedia di ieri sera a Genova, è ancora provvisorio. Tuttavia, la notizia è di poco fa, e il numero delle vittime sale a 7, i feriti restano 4 e 2 i dispersi.

Le ricerche proseguono in maniera ininterrotta, le 7 vittime sono: Daniele Fratantonio, 30 anni, di Rapallo; Davide Morella, 33 anni, di Biella; Marco De Candussio, 40 anni, di Lavagna, originario di Barga (Lucca); Giuseppe Tusa, 25 anni, di Milazzo, tutti e quattro militari della Guardia Costiera; il pilota Michele Robazza, 31 anni, di Livorno; l’operatore radio dei rimorchiatori Sergio Basso, 50 anni, di Genova; l’operatore radio dei piloti Maurizio Potenza, 50 anni, di Genova.

Mancano all’appello, dunque, Gianni Jacoviello, 33 annii, della Spezia, e il maresciallo Francesco Cetrola, 38 anni, di Santa Marina in provincia di Salerno.

I 4 feriti, invece, restano in prognosi riservata. A Molo Giano si continua a lavorare per cercare di liberare la banchina da ciò che resta della Torre di controllo del Porto, una struttura in cemento alta oltre 50 metri, crollata a causa dello scontro di una nave.

Attualmente la Procura di Genova ha aperto un fascicolo sull’incidente: contro ignoti per omicidio colposo. Lo ha detto il procuratore capo, Michele Di Lecce: «Stiamo ascoltando diverse persone. Ci sono problemi preliminari. L’ipotesi è quella di omicidio colposo contro ignoti». Si procede con il sequestro della ‘scatola nera’ della nave Jolly Nero, voluto dalla procura della Repubblica.

Il comandante della Jolly Nero è indagato con l’ipotesi di reato di omicidio colposo plurimo. Il comandante è stato ascoltato dal pm, Walter Cotugno, a bordo della nave posta sotto sequestro. E’ stato sentito in qualità di persona sottoposta a indagine.

Anche il pilota del porto di Genova che si trovava a bordo della Jolly Nero per la manovra è indagato nell’indagine sull’incidente in porto. Lo ha dichiarato il procuratore di Genova Michele di Lecce.

Il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi dichiara: «Non siamo ancora in grado di definire le cause». Tra le varie cause si ipotizza dall’avaria ai difetti di accosto o velocità della manovra. Continua Lupi: «Nel 2012 il porto di Genova ha movimentato 6.600 navi con circa 14mila operazioni di manovra. Dal 2008 sono stati attivati investimenti per circa 500 milioni di euro e da quella data non si sono mai più verificati incidenti».

Tuttavia i quattro feriti, che si sono riusciti a gettare in mare prima del crollo della torre, sono ricoverati in prognosi riservata tra cui due in codice rosso. Per i dispersi, invece, sfuma la speranza di ritrovarli vivi anche se i sommozzatori del vigili del fuoco stanno battendo ogni angolo del fondale marino.

Sul luogo sono accorsi subito il sindaco di Genova, Marco Doria, e il prefetto Giovanni Balsamo e l’armatore Stefano Messina. Anche il ministro Lupi si trova sul luogo della tragedia per incontrarsi con i familiari delle vittime.

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Bologna, tragico incidente stradale: morta una 27enne

Tragico incidente stradale oggi registrato nella provincia di Bologna...

Scuola, bimba si sente male: inutile la corsa in ospedale

Ha incominciato ad avvertire un malore mentre ero a...

Zelensky, disponibile a un accordo: una pace senza la Crimea

Zelensky si apre a prospettive di accordo purché la...

Roma, due sorelle anziane muoiono sole in casa

Roma. Trovate morte in casa, le due sorelle di...