In vista alla condanna di Silvio Berlusconi rispunta l’agenda di Michelle

PoliticaIn vista alla condanna di Silvio Berlusconi rispunta l'agenda di Michelle

Data:

l-agenda-di-michelle-conceicaoSILVIO BERLUSCONI – Alcuni mesi fa il blog ‘nonleggerlo‘ ha pubblicato un’agenda molto particolare che sembrerebbe appartenere a Michelle Conceicao, una prostituta brasiliana, famosa teste del ‘Rubygate‘ nota per aver ritrattato varie volte la sua versione circa la presenza di Ruby presso la dimora dell’ex premier Silvio Berlusconi.

Attualmente altri blog, come ‘cadoinpiedi.it‘ noto per i suoi contenuti virali, forse, in vista della sentenza ultima nei confronti del cavaliere Silvio Berlusconi, ha tirato fuori questa notizia.

Tuttavia vi riportiamo il testo apparso su ‘nonleggerlo‘ il 3 gennaio:

A pochi giorni dall’uscita della “Agenda Monti“, siamo in grado di rivelarvi in esclusiva i contenuti della “Agenda Berlusconi“, che in realtà già conoscevamo. Si trova nelle 400 pagine inviate dai Pm di Milano al Parlamento italiano, gennaio 2011, affaire Rubacuori, fonti di prova che dimostrerebbero la colpevolezza del Cavaliere, concussione e prostituzione minorile. E allora ecco a voi una parte dell’agendina telefonica di Michelle Conceicao, escort protagonista dello scandalo Ruby. Per capirci: sfogli la rubrica dell’iPhone di una prostituta brasiliana, e trovi questo, sempre per quella storia dell’autorevolezza.

Agenda di Michelle

fonte: nonleggerlo blogspot

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

Si fa avanti una nuova ipotesi sul tavolo di...

Donald Trump: ok alla trivellazione del Rifugio Artico protetto da 60 anni

Un'area tutelata in maniera rigida da 60 anni, che...

Bersani sul Coronavirus: “Se avesse governato il centrodestra i cimiteri non sarebbero bastati”

Durante l'ultima puntata di Carta Bianca, condotta da Bianca...

“Omnia Vincit Amor”: Matteo Salivini sbaglia il latino

È bastato uno sbaglio latineggiante di Matteo Salvini che...