Sconfitto un altro teorema siciliano: assolto il generale Mori

CronacaSconfitto un altro teorema siciliano: assolto il generale Mori

Data:

generale-mori-scagionatoGenerale Mori – Arriva un nuovo tassello contro i falsi pentiti: l’ex capo dei Ros e il colonnello Obinu sono stati scagionati dall’infamante accusa di favoreggiamento per la mancata cattura di Provenzano.  Sono stati assolti perchè il fatto non costituisce reato». Per l’ex generale dei carabinieri Mario Mori e il colonnello Mauro Obinu per il tribunale di Palermo non  si riscontra responsabilità per la mancata cattura  del boss di Cosa nostra Bernardo Provenzano.  E’ stata bocciata la tesi della Procura di Palermo per la quale i vertici del Ros coinvolti nella trattativa tra Stato e mafia, avrebbero favorito la latitanza del padrino corleonese.   La Corte palermitana non ha dato fede alla ricostruzione degli inquirenti, giudicando non  attendibili le dichiarazioni di Massimo Ciancimino che afferma di essere stato l’intermediario dell’accordo del 1992 che avrebbe garantito a Provenzano una sorta di l’immunità territoriale.
I giudici hanno disposto la trasmissione dei verbali alla Procura, per valutare la  posizione di massimo Ciancimino e quella dell’altro accusatore, il colonnello Michele Riccio .

Ci sono voluti 5 anni di udienze e 7 ore e mezza di camera di consiglio per stabilire un minimo di verità; in questo modo, il tribunale ha restituito l’onore a Mori e Obinu, per i quali erano state chieste condanne a 9 e 6 anni e mezzo di carcere. Il Pm ha annunciato l’impugnazione della sentenza, che l’accusa non condivide in nessuna parte.
Da parte degli imputati non ci sono stati commenti, mentre il loro difensore, l’avvocato Basilio Milio ha parlato della “fine di un massacro mediatico, di 5 anni di linciaggio, di teoremi, di falsità e di calunnie. Eravamo fiduciosi per le carte, ma i condizionamenti ambientali e le pressioni costanti ci preoccupavano”.

Al processo appena concluso, si collega il tema della trattativa tra Stato e mafia che è al centro di un altro procedimento che è in corso a Palermo, e che vede tra gli accusati capimafia e politici, come l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino che è accusato di falsa testimonianza, e Marcello dell’Utri.  In questo dibattimento sono inserite le famose intercettazioni distrutte dopo la sentenza della Corte costituzionale, che vedono come protagonista anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.    In una delle udienze iniziali, Mori affermò che non ci fu nessuna trattativa tra la mafia e lo Stato, e la sentenza di Palermo gli dà ragione.  In precedenza, l’ex generale si oppose alle accuse di Ciancimino, e si definì la vittima di “un composito movimento di opinione che sostiene insistenti ipotesi e teorie suggestive.

Non sono mancati i commenti politici alla sentenza di Palermo, per il  Pdl i commenti sono  favorevoli. Maurizio Gasparri ha affermato che il generale Mori la mafia l’ha sempre combattuta e la sentenza di assoluzione lo ratifica. Vi è un’implicita richiesta, da parte del rappresentante del PDL, di riconoscimento dei meriti di Mori, e molti dovrebbero scusarsi con lui, poiché hanno utilizzato un’antimafia di maniera. Dello stesso tenore le dichiarazioni di Fabrizio Cicchitto, che evidenzia che Mori è stato perseguitato per molti anni per avere svolto in Sicilia un ruolo fondamentale nella lotta alla mafia.

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Bologna, tragico incidente stradale: morta una 27enne

Tragico incidente stradale oggi registrato nella provincia di Bologna...

Scuola, bimba si sente male: inutile la corsa in ospedale

Ha incominciato ad avvertire un malore mentre ero a...

Zelensky, disponibile a un accordo: una pace senza la Crimea

Zelensky si apre a prospettive di accordo purché la...

Roma, due sorelle anziane muoiono sole in casa

Roma. Trovate morte in casa, le due sorelle di...