Android, per l’FBI basta un malware per spiare il tuo device

Cronacain primo pianoAndroid, per l'FBI basta un malware per spiare il tuo device

Data:

android-malware-per-spiare-i-votri-dispositiviANDROID – Questa notizia non farà certo piacere agli Androidiani di tutto il mondo. Che Android fosse meno sicuro, rispetto ad Apple, un sistema completamente chiuso, era assodato. Ma dall’avvento di Snowden queste informazioni faranno vacillare ancora di più il rapporto che l’utente ha nei confronti della tecnologia in materia di privacy.

L’attività di spionaggio è resa molto semplice da un malware, un piccolo virus installato nello smartphone, e l’FBI è in grado di controllare il microfono della ‘vittima’ ascoltando tutte le telefonate. La notizia è stata divulgata dal Wall Street Journal e sembra toccare solo i computer e i dispositivi del robottino più amato del pianeta.

I costi per lo ‘spionaggio’, stavolta, sono ridotti ai minimi termini. E’ da tempo che l’agenzia investigativa americana adotta le tecniche degli hacker per tenere sotto controllo, a loro dire, esclusivamente i criminali. Ma adesso, con l’avvento di Android, sembra che alcuni strumenti siano in grado di attivare delle vere e proprie cimici all’interno di questi smartphone e spiare ogni cosa. Dall’audio, ai video, alle webchat e a tutto quello che si cerca su internet tramite i terminali mobili.

Basta un link inviato per e-mail o installato su una penna usb che va a connettersi con il dispositivo per installare il malware e spiare ogni cosa all’insaputa dell’utente. Tuttavia l’agenzia investigativa ammette di aver adottato un tale sistema solo per tenere sotto controllo i casi di pornografia infantile, terrorismo e crimine organizzato. Ma a crederci. Dopo il Datagate tutti ci sentiamo un po’ spiati e se è così facile impossessarsi di uno smartphone speriamo che gli hacker non si divertano a spiare la vita delle persone comuni. Ormai si sa, chi possiede uno smartphone vive in simbiosi con esso e quasi non ne può fare a meno.

L’FBI sembra addirittura che si sia affidata ad agenzie italiani che producono programmi ad hoc, come la HackingTeam Srl di Milano, forti del loro credo: «Noi crediamo che la lotta alla criminalità dovrebbe essere facile: forniamo tecnologia offensiva efficace e facile da usare alle forze dell’ordine e di intelligence di tutto il mondo. La tecnologia deve potenziare e non ostacolare».

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Alex Zanardi, condizioni gravi ma stabili: campione non mollare!

L'Italia in apprensione per il suo campione: Alex Zanardi....

Coronavirus, contagi in Italia e nel mondo aumentano

Il numero dei contagi da Coronavirus in Italia continuano...

Alessandria, Vigili del Fuoco: “le parole umane non sono sufficienti”

Si sono tenuti oggi i funerali dei tre vigili...

Lettera dalla Agenzia delle Entrate per 700mila italiani

In arrivo per tutti gli italiani una lettera dalla...