Costa Concordia, ricostruito momento dell’urto

CronacaCosta Concordia, ricostruito momento dell'urto

Data:

costa concordia-schettino

Ripartito a Grosseto il processo del naufragio della nave Costa Concordia. E’ stato ascoltato il primo testimone in aula che era presente nella plancia al momento dell’urto, Salvatore Ursino. L’ufficiale in addestramento ha dichiarato: “Il comandante Schettino ordinò di aumentare la velocità della Costa Concordia da 15 a 16 nodi, circa cinque minuti prima dell’impatto con gli scogli”. ”In plancia c’erano il primo maitre Antonello Tievoli, il maitre Ciro Onorato, l’hotel director Manrico Giampedroni, oltre che la ragazza moldava (Domnica Cemortan) che rimase sulla porta” ed ”erano lì per ammirare il passaggio ravvicinato al Giglio” ha detto il teste Ursino rispondendo di volta in volta alle domande che gli venivano poste. Intanto è tornata in aula la ballerina moldava Domnica Cemortan, che sarà ascoltata insieme agli altri testimoni dell’accusa al processo della Concordia dove l’unico imputato risulta Schettino. E’ stato ricostruito il momento dell’urto della nave con gli scogli grazie al recupero di alcune registrazioni che il pm Stefano Pizza ha fatto ascoltare stamane in aula. Abbiamo urtato uno scoglio?” e poi: ”Madonna ch’aggio combinate!’: questa la voce di Francesco Schettino. Si sente anche Schettino ordinare: ”Chiudere le porte stagne a poppa”. Ordine ripetuto anche dal suo vice Ciro Ambrosio.

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Bologna, tragico incidente stradale: morta una 27enne

Tragico incidente stradale oggi registrato nella provincia di Bologna...

Scuola, bimba si sente male: inutile la corsa in ospedale

Ha incominciato ad avvertire un malore mentre ero a...

Zelensky, disponibile a un accordo: una pace senza la Crimea

Zelensky si apre a prospettive di accordo purché la...

Roma, due sorelle anziane muoiono sole in casa

Roma. Trovate morte in casa, le due sorelle di...