Il premier nipponico: “E’ imperdonabile”: Isis decapita uno dei due ostaggi giapponesi

giappone-isis-uccide-ostaggio-nipponico

Per il premier giapponese è stato “un atto imperdonabile“. Il portale Site in queste ore ha riferito che un ostaggio giapponese è stato decapitato dall’Isis, la vittima è Haruna Yukawa. In più il sito riferisce di un video dove il secondo ostaggio, il giornalista freelance di 47 anni, Kenji Goto Jogo, mostra le immagini dell’esecuzione e implora per la sua vita presentando le nuove richieste dell’Isis: il rilascio da parte delle autorità giordane della kmikaze (donna) mancata Sajida al-Rishawi e moglie di uno dei tre kamikaze che riuscirono a farsi saltare in aria ad Amman, nel 2005, causando 57 morti. Anche lei avrebbe voluto farsi esplodere ma la sua cintura esplosiva non si attivò. Sarebbe anche la sorella di uno streto collaboratore di Abu Musab al-Zarqawi, il leader di al-Qaeda in Iraq ucciso nel giugno del 2006 a Baquba. Catturata dalle autorità giordane, fece un’apparizione in tv per una sorta di confessione-rivendicazione; condannata a morte da un tribunale militare giordano, ha presentato appello ed è in attesa del giudizio.

Ecco cosa scrive Kenji Goto Jogo nel video che dura due minuti e 56 secondi, circa l’ostaggio ucciso: “Guardate la foto del mio compagno di prigionia Haruna massacrato nella terra dell’Isis. Eravate stati avvertiti”.

Quell’avvertimento fa riferimento al riscatto chiesto dall’Isis al premier nipponico Shinzo Abe, un somma di 200 milioni di dollari, e avrebbero dovuto recuperarli in 72 ore, ma venerdì mattina è scaduto l’ultimatum. 72 ore di tempo. Il portavoce del governo nipponico, Suga, ha chiesto l’immediato rilascio del secondo connazionale e ha definito “oltraggiosa” ed “inaccettabile” la decapitazione di Harana Yukawa. Il premier, Shinzo Abe, ha assicurato che il Giappone non lascerà nulla di intentato per ottenere il rilascio di Kenji Goto Jogo.