Museo Egizio Torino: con Alberto Angela viaggio nel mondo Arabo

museo-egizio-torino-alberto-angela

MUESO EGIZIO TORINO – L’avvenimento televisivo mandato in onda, ieri sera, su Rai 1, è stata una vera e propria serata evento per inaugurare l’apertura del nuovo Museo Egizio di Torino, il primo nel mondo al di fuori dell’Egitto. La guida di Alberto Angela rafforzata da un’ottima regia e una splendida scenografia, ci ha consentito di esplorare questo nuovo museo da lontano. Nessun particolare è stato tralasciato, una vera esplorazione tra teche e reperti descritti ad hoc con il sostegno del direttore del Museo, Christian Greco, che ha sottolineato il duro lavoro che è stato fatto per arrivare un risultato del genere, noi oseremo dire quasi perfetto.

Tra danze e scenette in cui si sono cimentati gli allievi del Teatro Stabile di Torino, per ricostruire esattamente le atmosfere e momenti legati ai luoghi di origine, ci hanno consentito di effettuare un viaggio nel passato attraverso questi reperti che racchiudono in se storie millenarie e lontane e che ancora oggi, con il loro fascino e mistero, hanno il potere di attirare turisti da tutto il mondo pur di ammirarli per qualche istante.

Sono state tante le storie raccontate durante la serata di ieri, andata in onda su Rai 1 alle ore 21:00, come le storie delle regine egizie, vizi e virtù. Giovanni Soldini, invece, è stato così gentile da condividere con il pubblico la nascita della matematica e della geometria. Invece la customista, premio Oscar, Gabriella Pesucci, ci ha donato un viaggio attraverso le caratteristiche dell’abbigliamento di questa popolazione e infine, ma non per ultimo, le affascinanti storie della storica e grande scrittrice Eva Cantarella, che ci ha consentito di conoscere al meglio come gli egizi vivevano l’amore e il sesso al tempo dei Faraoni. Tutto questo incorniciato da una musica d’eccezione diretta dal Maestro Riccardo Muti. E proprio perché negli speciali di Alberto Angela, proprio nulla viene tralasciato, abbiamo assistito anche all’intervento del Prof. Umberto Veronesi, che ha parlato di salute e come perseguire il concetto di vita eterna e di invecchiare con serenità allo stesso modo praticato dagli Egizi.

La notte è museo Egizio è stato un evento davvero particolare e ammirare tutti quei tesori, dal vivo, sarà ancora più emozionante soprattutto quando vi troverete nella Galleria dei Re davanti alle statue imponenti dei Faraoni capaci di incutere timore e rispetto. Si sa, chi dice Egitto dice mummie, e nel Museo Egizio di Torino ce ne sono alcune davvero singolari, in particolare quelle di tre sorelle di cui conosciamo anche i nomi, e quella di un ignoto, con i tratti del volto dipinti che lo fa assomigliare a un tragico pupazzo.
Tuttavia sarebbe bello rivivere le stesse atmosfere attraverso la voce guida di Alberto Angela e dell’attore Alessio Boni che hanno reso ancora più piacevole il viaggio proposto su Rai 1.

Questo è link dove potrete rivedere la puntata di ieri su Rai 1 “Stanotte al Museo Egizio