Roberta Bruzzone non si arrende e definisce “ingombrante” Selvaggia Lucarelli

roberta-bruzzoni-10-anni-fa copia

Finirà mai il botta e risposta mediatico tra Selvaggia Lucarelli e Roberta Bruzzone? Chissà e tuttavia non è possibile non leggere delle loro battute al veleno. Questo “feroce” scontro è iniziato dal momento in cui la crimonologa Bruzzone ha dichiarato di non aver gradito la sua imitazione fatta dalla bella Virginia Raffaele minacciandola di querela, che pare poi abbia ritirato sotto consiglio di Bruno Vespa. Ovviamente la vicenda è arrivata all’orecchio della nota blogger e commentatrice di tutti i fatti di gossip, Selvaggia Lucarelli al seguito del Tweet della Bruzozne:

Una rappresentazione becera, volgare, gratuita, una bagascia vestita in modo improponibile. Amici? Mai guardato e mai più lo farò. Non ho di certo bisogno della loro pubblicità.

E la replica della Lucarelli no n è tardata ad arrivare rimproverando alla criminologa di non avere umorismo scatenando l’ennesima risposta della Bruzzone:

Non so cosa faccia nella vita Selvaggia Lucarelli, non mi interessa quello che dice.

A questo punto, chi conosce bene Selvaggia Lucarelli, non poteva non aspettarsi una replica col dente avvelenato e su Twitter, la blogger, ha pubblicato una foto di Roberta Bruzzone di dieci anni fa, ipotizzando che la donna avrebbe fatto ricorso alla chirurgia estetica.

Mostro una foto di lei 10 anni fa. Io sarò un cesso, ma il mio codice genetico l’ho accettato. Lei un po’ meno. Per capire se quella nella foto è la Bruzzone devono fare il riconoscimento i parenti come per le salme all’obitorio, tanto per rimanere in tema criminologia.

selvaggia-lucarelli-bruzzone-replica copia

Di conseguenza la criminologa è stata ancor più cattivella e su twitter ha postato una vecchia immagine di Selvaggia Lucarelli con qualche chilo di troppo, e con una didascalia:

Quando si dice un fascino ‘ingombrante’.

E adesso cosa accadrà? Secondo voi Selvaggia continuerà a replicare? Probabilmente no, per la Lucarelli sicuramente qualche chilo di troppo non è motivo di vergogna!