Energy drink ritirati dal mercato: contenevano arsenico cinese

Energy Monster ritirata dal mercatoSono stati ritirati dal mercato ben quattro lotti di energy drink Monster, rispettivamente in 5 regioni d’Italia: Lazio, Lombardia, Puglia, Toscana e Veneto ed è subito polemica. Pare che il ritiro sia dovuto dal probabile contenuto di arsenico proveniente dalla Cina.

Pesanti le accuse all’Olanda: “In Italia la segnalazione della lista di distribuzione è pervenuta con notevole ritardo, esponendo in tal modo i consumatori al rischio di assunzione”. Così il ministero della Salute italiano si è mosso in fretta, appena ricevuta la segnalazione del prodotto non conforme, comunicandolo agli assessorati alla Sanità delle regioni coinvolte per consentire la verifica del ritiro.

I fatti risalgono a qualche mese fa e le lattine ritirate riportano questa dicitura: “Monster Energy Green, Lotti LE1406D TT:TT e LE1431D TT:TT”, “Monster Energy Absolutely Zero, Lotto LE1419D TT:TT” e “Monster Energy Rehab, Lotto LE1429D TT:TT”.

Il Fatto Quotidiano riporta che il dicastero della Salute ha comunicato l’11 luglio 2014 le autorità belghe hanno notificato la presenza di arsenico proveniente dalla Cina e immesso sul mercato comunitario tramite l’Olanda e solo il 27 febbraio 2015 è avvenuta la segnalazione.

Tuttavia è impossibile conoscere il livello di concentrazione di arsenico nelle bevande e un po’ tutto dipende anche dalla quantità ingerita quotidianamente dal consumatore. Tuttavia l’azienda Monster Energy è stata contattata circa l’accaduto e pare che abbia dichiarato: “I prodotti per i quali avete chiesto informazioni erano e sono sicuri per il consumo”. L’azienda è stata anche contattata da ilfattoquotidiano.it, ma pare che stavolta abbia risposto in questo modo: “non abbiamo ulteriori commenti”.