Torre del Greco: trovata una pistola, uccide l’amico

Napoli Torre del GrecoMorto per errore, il giovane Pietro Spineto, 18 anni, quando per errore un proiettile lo ha raggiunto alla tempia. La pistola che ha colpito a morte il giovane era stata trovata, per caso, con un gruppo di amici, uno dei quali, di soli 15 anni, maneggiando l’arma ha sparato involontariamente un colpo provocando la morte del compagno.

La tragedia è avvenuta a Torre del Greco, nel napoletano, ieri 8 agosto. Il proiettile, di quella pistola, che veniva maneggiata come se fosse un giocattolo, ha raggiunto Pietro Spineto, e per lui non c’è stato scampo. Il ragazzo di 15 che ha sferrato il colpo si è costituito alle forze dell’ordine. Inizialmente preso dal panico è scappato, per recarsi in seguito al commissariato in compagnia della madre.

Il 15enne, in lacrime, ha raccontato ogni cosa. Si erano recati nel cortile di uno stabile in via Bufale, per portare il cibo a dei cani mentre i loro padroni erano in vacanza e vedendo la pistola a terra il 15enne l’ha presa e per sbaglio avrebbe così premuto il grilletto.

Quando gli agenti sono arrivati sul luogo, avvertiti da qualcuno, trovano Spineto senza vita e in una pozza di sangue. I vicini raccontano di aver visto qualcuno che scappava. Attualmente la Scientifica è a lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente e per cercare riscontri sulla versione del ragazzo. La pistola dalla quale sarebbe provenuto il colpo per ora è scomparsa e soprattutto c’è da capire chi l’abbia lasciata nel cortile del condominio in cui i ragazzi si erano recati. Intanto il 15enne, incensurato, denunciato per omicidio colposo, si trova in stato di libertà e solo l’autopsia sul corpo di Spineto rivelerà più dettagli.