Brasile ucciso 18enne: non ha sentito le minacce dei rapinatori

18enne ucciso dai rapinatori: il volume delle cuffie elevato non gli ha consentito di sentire le minacce

Il borsone in spalla e le cuffie nelle orecchie. Un ragazzo di San Paolo del Brasile, nel quartiere Flower City Avenue, a Osasco, si dirigeva in palestra quando è stato aggredito dai suoi rapinatori. Derek Lange aveva solo 18 anni e l’unica colpa, se così si può definire, è stata quella di ascoltare la musica dal suo lettore mp3 ad un volume così alto che non gli ha consentito di sentire le minacce dei suoi rapinatori. I suoi assassini si sono irretiti davanti al suo atteggiamento, credendolo spavaldo gli hanno così sparato a bruciapelo.

Il giovane è riuscito comunque a rialzarsi per rientrare in casa e chiedere aiuto. Il trasporto in ospedale è stato immediato, è stato sottoposto ad una serie di interventi ma senza successo. E’ deceduto qualche ora dopo. Secondo quanto riferito dalla Segreteria della Pubblica Sicurezza di San Paolo, gli investigatori sono già a lavoro sulle immagini riprese dalle varie telecamere di video sorveglianza oltre ad interrogare i testimoni per assicurare gli assassini di Derek alla giustizia.