L’Italia pronta a bombardare l’Iraq occupata dall’Isis

Italia bombarda Isis in Iraq

E’ bastata una visita del Segretario alla Difesa Statunitense Ashton Carter, nella base di Sigonella e poi a Roma, per decidere che anche l’Italia avrebbe dovuto attaccare l’Isis. La notizia è stata diffusa qualche ora fa dal Corriere della Sera. L’aeronautica italiana avrà dunque il compito di bombardare zone del’Iraq controllate dall’Isis, mentre non ci sarà nessun intervento nei cieli siriani.

Dunque i tornado dell’aeronautica verranno configurati come cacciabombardieri e non più come velivoli da ricognizione. Pare, tuttavia, che sia stato il governo iracheno a chiedere all’Italia di intervenire, mentre Damasco ha chiesto di intervenire soltanto alla Russia.

La distinzione tra le richiesta Iraq e Siria è stata rispettata dal governo italiano, mentre la Francia ha già cominciato a bombardare, mentre la Gran Bretagna aspetta il fuoco verde del Parlamento. Intanto il Segretario alla Difesa Statunitense verrà accolto anche dal Presidente della Repubblica, mentre sembra non sarà necessario il consenso parlamentare per procedere ai bombardamenti, nonostante la negazione del consenso da parte di alcune forze politiche.