Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne: diamo i numeri

Oggi, 25 novembre 2015, è la Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne. Un evento importante e dalla portata globale che interessa tutti noi. Qui in Italia, ogni 60 ore una donna viene uccisa per mano del partner o dell’ex compagno. Si tratta di una situazione sempre più avvilente che va combattuta dalla radice. La Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne è una manifestazione che non va, quindi, ignorata.

Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne: diamo i numeri

Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne 2015: alcuni dati concreti

In occasione della Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne, il sito SKuola.net ha deciso di fare un sondaggio tra ragazzi di scuole medie, licei e università. I dati che ne sono venuti fuori sono a dir poco allarmanti: un ragazzo su dieci ammette di aver alzato le mani sulla propria ragazza mentre, e questo è ancor più grave, il 42% delle ragazze intervistate dichiara di essere in grado di perdonare atti di violenza da parte dei propri compagni.

Non è finita qui, perché le forme di violenza sono parecchie: il 14% dei ragazzi parla di aver strappato alle proprie ragazze rapporti intimi negati, il 21% dei maschi dichiara di provare una gelosia ossessiva nei confronti delle compagne, il 50% degli intervistati racconta di aver limitato amicizie ed abitudini dell’altro, il 3% controlla i cellulari e 1 ragazza su 5 non dà importanza alle insistenze di un ex. Solo il 45% degli intervistati sembra pensare che il compagno sia libero di fare ciò che desidera.

In Italia, come nel mondo, sono state indette numerose manifestazioni ed eventi per questa giornata: in particolar modo questa sera e domani 26 novembre 2015, al Teatro Sistina di Roma sarà messo in scena lo spettacolo X=Y a cura di TeatroInMovimento e ideato da Marco Liorni. La rappresentazione fornirà spunto di riflessione sui numeri snocciolati finora riguardo l’argomento.