Lello Arena scrive una lettera commuovente a Massimo Troisi

Come non pensare a Massimo Troisi? Lo sa bene Lello Arena, l’amico di una vita che ha lavorato con lui da sempre e che ha visto andare via un amico, oltre che un artista, al quale va tutta la sua stima. Lello Arena ha dedicato un post su Facebook al grande attore: parole che hanno commosso il web intero e che arrivano in concomitanza con il ritorno nelle sale cinematografiche del film Ricomincio da Tre.

Lello Arena scrive una lettera commuovente a Massimo Troisi

Lello Arena e Massimo Troisi: un’amicizia indissolubile

Lello Arena e Massimo Troisi hanno lavorato per lungo tempo a stretto contatto, uniti non solo dall’arte ma da un’amicizia molto forte, fatta di stima reciproca e rispetto. Questo è la lettera che Lello ha dedicato su Facebook all’attore scomparso prematuramente per problemi cardiaci:

Caro Massimino, come ti chiamavo qualche volta in risposta al tuo più imperioso ” Rafè “, ho rivisto ieri al cinema Ricomincio da tre.
Essere circondato dall’amore di alcune delle persone per me più importanti al mondo ha reso più dolce sopportare la tempesta di emozioni e di ricordi che rivedere il film ha portato con sè.
E poi invece c’era l’oggi e c’eri tu con il fuoco d’artificio delle tue trovate, la magia delle invenzioni comiche, la tua delicata malinconia, la cura e la passione ben in vista in ogni più piccolo dettaglio del film e quella bella faccia da scugnizzo che, malgrado il tempo faccia con ostinazione il suo lavoro, non potrà mai non essere parte dei miei giorni.
Oggi, come allora , ti devo un gigantesco e potente grazie per avermi permesso di essere parte di questo straordinario incantesimo.
Per sempre ! È il caso di dirlo! ( ci hanno pure restaurato ! ) Lello“.

Ricomincio da Tre è il primo lavoro di Massimo Troisi che ha fatto grandi numeri: 600 giorni di presenza nelle sale cinematografiche, 15 miliardi di lire al botteghino e due David di Donatello portati a casa, uno come Miglior Film e uno per Miglior Attore. Fulvio Lucisano, il produttore, è colui che ha creduto maggiormente in Massimo: davanti allo scetticismo degli esercenti che sostenevano che il film non avrebbe sfondato al nord, lui propose di anticipare gli incassi nel caso fosse così. Non ce ne fu bisogno, ovviamente.