Medved: con il caccia russo abbattuto addio progetti con Ankara

Dmitri Medved ha lasciato alcune dichiarazioni in merito a ciò che è accaduto ieri, martedì 24 novembre 2015: un caccia russo è stato abbattuto dalle forze militari turche mentre era impegnato con i bombardamenti in Siria. A detta delle forze militari della Turchia, il sukhoi 24 russo avrebbe sconfinato nello spazio aereo turco. Il premier russo Dmitri Medved ha definito tale gesto come “azioni criminali delle autorità turche“.

Medved: con il caccia russo abbattuto addio progetti con Ankara

Il premier russo Medved annulla i progetti con Ankara

Non ha usato giri di parole il premier russo Dmitri Medved nell’annunciare quali saranno le conseguenze di ciò che è accaduto ieri tra Russia e Turchia, in particolare ce ne saranno tre ben specifiche:

In primo luogo vi è un pericoloso peggioramento delle relazioni tra la Russia e la Nato, che non può essere giustificato da nessun interesse, neppure dalla protezione dei confini statali; in secondo luogo, la Turchia ha dimostrato con le sue azioni che difende i miliziani dell’Isis; e questo non sorprende, date le informazioni disponibili sul diretto interesse finanziario di alcuni funzionari della Turchia connessi con la fornitura di prodotti petroliferi prodotti negli impianti controllati dall’Isis. In terzo luogo sono state minate le lunghe relazioni di buon vicinato tra la Russia e la Turchia, anche nella sfera economica e della cultura. Il danno sarà difficile da risanare, la sua prima conseguenza può essere la cancellazione di tutta una serie di importanti progetti congiunti e la perdita di posizioni sul mercato russo da parte delle aziende turche. (…) Saranno adottate misure per rinforzare la difesa contraerea: a tale scopo l’incrociatore Moskva, dotato del sistema contraereo Fort, analogo agli S-300, occuperà una postazione nella zona costiera di Latakia. Avvisiamo che tutti i bersagli che rappresentano per noi un pericolo potenziale saranno distrutti“.

La situazione si sta inasprendo sempre di più a causa del caccia russo abbattuto dalle forze militari turche. Attendiamo nuovi sviluppi in merito alla vicenda.