Naufragio in Truchia: dopo Aylan morti altri 6 bambini

All’alba di questa mattina si è consumata una terribile tragedia: il naufragio in Turchia ha coinvolto due barconi carichi di migranti. Purtroppo la tragedia è costata la vita di sei bambini che, secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa statale Anadolu, hanno incontrato la morte nelle gelide acque del mediterraneo. A pochi chilometri dalle nostre coste, si è consumato un gravissimo episodio, diretta conseguenza di quanto sta accadendo in Siria.

naufragio-in-turchia

Durante il naufragio in Turchia di questa mattina hanno perso la vita due fratellini siriani di 1 e 4 anni, si chiamavano Diven Halil Hussein e Beren Halil Hussein. Il loro barcone è affondato al largo di Bodrum con altre 23 persone, tutte tratte in salvo. Ma il bilancio delle vittime dei naufragi è molto più alto: altri quattro corpi di bambini sono stati trovati al largo di Ayvacik, dove un altro barcone, carico di siriani e afghani, si è capovolto; sono stati tratti in salvo 51 migranti.

L’organizzazione mondiale Medici senza frontiere (Msf) ha diffuso dati a dir poco tragici: nei mesi di settembre e ottobre circa 300 persone sono morte nel disperato tentativo di attraversare l’Egeo, molte delle quali erano bambini. Padri e madri, che hanno cercato di dare un futuro diverso ai loro figli, costretti ad affrontare un terribile e pericolosissimo viaggio. Dall’inizio dell’anno, secondo ancora i dati forniti da Msf, circa 620mila persone sono  arrivate sulle isole greche dalla Turchia.

Lunedì scorso alcuni pescatori turchi hanno ritrovato il corpo di Sena sugli scogli delle spiagge di Bodrum. La bambina siriana aveva quattro anni ed è annegata durante un altro naufragio. Come non ricordare la storia del piccolo Aylan Kurdi, il bambino ritrovato privo di vita sulle stesse spiagge: la foto del suo corpicino ha fatto il giro del mondo, commuovendo il mondo intero. Evidentemente non è bastato. Quanti corpicini di bimbi innocenti dovremmo ancora vedere distesi sulle spiagge prima che si intervenga fattivamente ad aiutare queste popolazioni?