Scandalo alla Casa Bianca: arrestato agente del Presidente

Scandalo Casa Bianca, arrestato agente

Scandalo alla Casa Bianca. L’agente del Secret Service, Robert Moore, 37 anni, agenzia che ha il compito di proteggere il presidente degli Stati Uniti d’America, è stato incastrato per aver inviato messaggi e foto nudo di se stesso ad una minorenne.

La 14enne che scambiava messaggi con Moore era in realtà un poliziotto del Delaware sotto copertura. L’agente è stato arrestato per questi scambi di messaggi iniziati ad agosto, come ha confessato lo stesso Moore durante l’interrogatorio, e proprio mentre prestava servizio alla Casa Bianca. Nelle chat sono emerse anche richieste di incontri sessuali da parte dell’agente: “Cosa ti renderebbe più nervosa: un giro in moto o fare sesso con me?“. Ora l’uomo dovrà rispondere di diverse accuse tra cui adescamento di minori e rischia una pena fino a 10 ann di reclusione.

La reputazione della Secret Service è tuttavia in bilico a causa di diversi episodi che l’hanno colpita nel corso degli anni. Infatti nel 2012 sempre gli uomini della stessa agenzia organizzavano party a base di droga e prostitute, proprio mentre erano in servizio per scortare il presidente Obama a Cartagena, in Colombia. Un altro episodio riguarda l’uomo armato di coltello che riuscì ad introdursi facilmente all’interno della Casa Bianca e fermato, solo per caso, da una guardia.