Piano di Sorrento, uccide il fratello e scioglie il corpo nell’acido

A Piano di Sorrento, ridente località della penisola sorrentina in provincia di Napoli, all’inizio di dicembre si è consumato un orrendo delitto dopo una lite tra fratelli, entrambi pregiudicati per droga. Nove giorni fa un uomo ha ucciso e poi sciolto nella soda caustica il fratello. Fino ad ora nessuno si era accorto del fratricidio di cui, fino a questo momento, non si era saputo nulla.

Piano di Sorrento, uccide il fratello e scioglie il corpo nell'acido

Francesco Amuro, di 54 anni, aveva fatto perdere le proprie tracce dallo scorso 7 dicembre. Nessuno, fino ad oggi, aveva sospettato che dietro la scomparsa dell’uomo ci fosse il fratello minore Salvatore, di anni 52. Quest’ultimo, durante una lite, avrebbe prima ucciso il fratello e poi ne avrebbe sciolto il corpo nella campagna vicino casa con la soda caustica. Questa è l’accusa ai danni di Salvatore Amuro, che oggi è stato sottoposto a fermo dai carabinieri.

L’uomo è stato già interrogato dal pm della Procura di Torre Annunziata, intervenuto sul posto. Il corpo del fratello sarebbe stato sciolto nella sua abitazione. La denuncia della scomparsa di Francesco Amuro era stata fatta dai parenti nei giorni scorsi. Sul luogo del delitto sono intervenuti anche gli uomini della Sezione investigazioni scientifiche del Comando provinciale di Napoli.