Poliziotti americani freddano afroamericano armato di coltello

Poliziotti americani si sono macchiati dell’ennesimo episodio di razzismo: almeno otto agenti della San Francisco Police Department hanno circondato e aperto il fuoco su un uomo di colore armato solo di un coltello e lo hanno colpito con una raffica di colpi che non gli hanno lasciato scampo. Non era un gruppo di agenti ma un plotone di esecuzione hanno dichiarato alcuni testimoni.

Afroamericano armato di coltello circondato e ucciso dalla polizia

Un afroamericano è stato ucciso in strada dalla polizia dopo essere stato circondato dagli agenti e bloccato fuori all’intersezione tra Third Street e Gilman Avenue a San Francisco.
Il capo della polizia, Gregory Suhr, ha confermato che l’uomo, armato di coltello, è stato ucciso in seguito alla sparatoria a Bayview, intorno alle 05:00 di mercoledì e che la sua descrizione corrispondeva a quella di un uomo di colore sospettato di aver pugnalato poco prima una persona in una strada vicina.
Alcuni testimoni che hanno assistito alla scena, riferiscono di aver visto almeno otto agenti circondare l’uomo con le armi spianate e di aver fatto fuoco tutti insieme. Più che ad un arresto, hanno assistito ad una scena che ricordava l’esecuzione di un uomo da parte di un plotone di esecuzione.

Sui social media è spuntato un video che non è ancora stato verificato da parte della polizia, che mostra un uomo simile alla vittima, circondato da circa otto agenti di polizia armati.
Nel video si vede un uomo di colore in piedi su un marciapiede con la schiena contro una parete. L’uomo cade, sembra essere frastornato, si rialza e comincia ad andare via, mentre i poliziotti hanno le armi sollevate e puntate su di lui.
La telecamera cambia inquadratura, non si vedono più l’uomo e gli agenti, ma si sente una raffica di proiettili con urla in sottofondo.