Il sangue di San Gennaro si scioglie dopo l’hashtag #squagliagennà

Il sangue di San Gennaro si è sciolto per la terza volta durante il 2015: al via al miracolo. Avvenuto intorno alle 17:50, i napoletani possono dormire serenamente: in caso di terremoto il santo patrono della città partenopea li salverà tutti. Dopo un paio di insulti al Santo, che viene ingiuriato “faccia verde” per via del colorito del bronzo della statua, ha finalmente accontentato i fedeli all’interno del Duomo di Napoli.

Miracolo Sangue di San Gennaro si è sciolto con l'hashtag #squagliasangennà

I tre appuntamenti col prodigio: come da tradizione il sangue di San Gennaro si scioglie 3 volte l’anno. La prima volta avviene il sabato che precede la prima domenica di maggio durante la traslazione delle reliquie del Santo dall’Agro marciano alle catacombe. La seconda in occasione della ricorrenza di San Gennaro che avviene il 19 settembre e la terza il 16 dicembre, la data in cui si ricorda l’eruzione del 1631 e che secondo i fedeli fu fermata dal loro santo protettore.

E’ stato un giorno di tensione per i fedeli napoletani, il sangue non accennava a sciogliersi e anche i più tecnologici hanno cercato di pregare San Gennaro attraverso la rete lanciando su Twitter l’hashtag #squagliagennà affinché la preghiera arrivasse a lui più velocemente, e probabilmente ha funzionato visto che alla fine il Santo ha fatto il miracolo.