22 dicembre: solstizio d’inverno nella sfera del doodle di Google

Anche Google rende omaggio al giorno più corto dell’anno con il suo Doodle dedicato al Solstizio di inverno. Teoricamente è oggi il giorno in cui dovrebbe iniziare l’inverno, la stagione più fredda dell’anno anche se con la presenza di anticicloni non ci stupiremo all’arrivo di un’altra ondata di caldo. Tuttavia Google è fedele alla tradizione e nel suo doodle riprende la classica sfera di vetro che agitandosi produce la neve che cade sulle lettere del logo di BigG mentre due ragazzini sciano intorno al doodle.

Doodle di Google, solstizio inverno 22 dicembre 2015

La parola solstizio deriva dal latino “Solis Statio”, fermata del Sole: nel suo moto apparente questa luminosa e grande stella a mezzogiorno raggiunge il punto più basso del percorso sotto l’equatore celeste e delinea l’arco diurno più corto tra il Sud-Est e il Sud-Ovest, segnando cosi’ l’inizio della stagione invernale astronomica nell’emisfero boreale. Così in Italia si assiste al giorno con meno luce, 8 ore 55 minuti.

Come ben saprete l’avvio delle stagioni è scandito da eventi astronomici ben preciso: autunno e primavera iniziano nel giorno dell’equinozio, ovvero della uguale lunghezza di notte e giorno; estate e inverno iniziano nel giorno del solstizio, nel quale le ore di luce sono al loro massimo (a giugno) o al loro minimo (a dicembre). Per gli antichi romani e greci questi eventi andavano festeggiati. Nell’antica Roma vi erano i Sturnalia; Kwanzaa per alcuni afroamericani o lo stesso Natale; ule nel Neopaganesimo.