Usa e Russia insieme: sconfiggere l’Isis colpendo le sue finanze

Per cercare di fermare l’avanzata Isis, Usa e Russia, insieme, stanno cercando di di studiare come negoziare una risoluzione attaccando le loro finanze. Sarà questo l’ordine del giorno durante la riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu che verrà discusso il prossimo 17 dicembre quando si riuniranno i ministri delle Finanze dei 15 membri del consiglio. Lo scopo è dunque quello di agire contro chi commercia con l’Isis.

Obama e Putin, Usa e Russia insieme per colpire chi commercia con l'Isis

La risoluzione contro l’Isis si baserà sullo stesso provvedimento approvato nel 1999 servito per colpire le finanze di al Qaida, quando all’epoca leader era Osama bin Laden. La stessa misura è stata approvata a febbraio contro il califfato, ma la Russia ha lamentato che questa misura viene sempre violata. Così l’ambasciatore russo al Palazzo di vetro, Vitaly Churkin, ha posto richiesta di denuncia per chi viola lo stesso divieto, ma non ha aggiunto altro. Secondo quanto riportato dal New York Times, l’ambasciature russo ha dichiarato: “Abbiamo deciso di fare una bozza in comune per un giro di vite contro chi fa affari con l’Isis – Continua l’ambasciatore – La misura inasprirebbe la posizione della comunità internazionale sulla nostra lotta ai terroristi”. In più il segretario del Tesoro Usa, Jacob Lew, ha dichiarato: “Tagliare fuori l’Isis dal sistema finanziario internazionale e interrompere il suo finanziamento sono fondamentali per lottare efficacemente contro questo gruppo terroristico violento”.

L’alleanza imminente USA/Russia è stata presa dopo la strage a San Bernardino, in California, che pare sempre più legata all’estremismo islamista. Per l’Fbi si tratta di terrorismo, ma non è ancora chiaro se la coppia di killer fosse legata in qualche modo ad una cellula Isis. Tuttavia l’Isis ha festeggiato su internet l’attentato scrivendo così:”Due soldati del Califfato hanno compiuto un attacco a San Bernardino, uccidendo 14 miscredenti”. Ora resta da capire se fossero delle vere e proprie cellule o simpatizzanti dell’Is.