18.7 C
Napoli
giovedì, Settembre 23, 2021

Visite gratis Napoli: la storia del Maschio Angioino

Le storie pi lette

Visite gratis Napoli. Domenica 6 dicembre, dalle ore 9:00 alle ore 14:00 sarà possibile visitare gratuitamente Castel Nuovo, più noto come “Maschio Angioino“, anche se di angioino ha ben poco dopo il rifacimento aragonese. Il bellissimo castello di Piazza Municipio sarà aperto al pubblico per la prima domenica del mese e soprattutto in maniera completamente gratuita. La stessa regola vale anche per gli altri musei e luoghi d’arte di tutta Italia.

Visite gratis Napoli al Maschio Angioino

Questa del Maschio Angioino, però, è un’apertura speciale perché darà la possibilità di accedere al Cortile del Castello, la Sala dei Baroni di Castel Nuovo e anche all’Armeria con affaccio sugli arsenali. La zona in cui ha sede questo enorme castello è ricca di storia, cultura e reperti archeologici rinvenuti durante la costruzione della nuova metropolitana e proprio in corrispondenza del sottosuolo adiacente alla Sala dei Baroni sono stati rinvenuti dei reperti di età romana della fine del I secolo a. C. e seconda metà del V secolo d. C.

In corrispondenza della Sala dell’Armeria, invece, sono stati trovati resti del castello che appartengono all’età romana. Dunque una stratificazione quasi millenaria che ci fa intuire tutti i rifacimenti del castello nel corso dei secoli. Sono stati ritrovati anche reperti di una piscina appartenete ad una villa romana, visto che proprio durante il periodo della Repubblica furono costruite una serie di ville sulla linea costiera che dava sul mare. La stessa zona probabilmente tra il VI e XII secolo d. C. fu utilizzata come necropoli perché durante gli scavi per la costruzione della nuova stazione metropolitana sono stati rinvenute cinquanta sepolture tra adulti, giovani e bambini.

Dunque durante questa visita gratuita non solo potrete immergervi in un’atmosfera antichissima e dalle mille storie ma sarà possibile visitare anche la sala dei Baroni, o “Sala Mayor” del Castello, voluta da Roberto D’Angiò e affrescata da Giotto nel 1330 circa.

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

Caserta, incidente stradale: investita bimba di 8 anni

Caserta, incidente stradale: investita bimba di 8 anni

0
Un grave incidente stradale è avvenuto ieri pomeriggio a Pescopagano, località Mondragone in provincia di Caserta. Un uomo di 47 anni, sotto effetto di...

Napoli, incendio campo Rom: “un avvelenamento di massa”

0
Un nuovo incendio avvelena Napoli. E' avvenuto in un campo Rom dislocato tra Scampia, periferia a Nord della città, Melito e Mugnano, che fanno parte...

Ultimi articoli