Aeroporto di Torino: pacco sospetto fa scattare l’allarme bomba

Allarme boma all’aeroporto di Torino, dove è stato trovato un pacco sospetto in un bagno del ristorante dell’atrio partenze. Il ritrovamento ha fatto scattare intorno alle 22 l’allarme bomba, poi rientrato. Lo scalo è rimasto sempre operativo. Sono intervenuti i vigili del fuoco, ambulanze del 118e la polizia con una squadra di artificieri. Circa 250 le persone che sono state allontanate dall’aeroporto torinese.

Allarme boma all'aeroporto di Torino, tracce di tritolo in una scatola

Intorno alle 22 una donna delle pulizie dell’aeroporto di Torino – Caselle, dopo aver trovato una scatola di legno in un bagno dello scalo, ha prontamente avvertito le forze dell’ordine che hanno messo in moto il piano di emergenza. Dopo che lo “sniffer”, lo strumento che rileva la presenza di esplosivo nei bagagli, aveva dato due volte esisto positivo, sono state evacuate, circa 250 persone tra passeggeri e operatori che affollavano l’atrio partenze, mentre ambulanze e pattuglie di polizia e carabinieri hanno raggiunto Caselle.

Il pacco sospetto è stato fatto brillare dagli artificieri della polizia con l’aiuto di un robot. All’interno nessun materiale esplosivo ma, secondo quanto appreso, si trattava della custodia di un amplificatore. La scientifica sta ora effettuando i rilievi del caso per tentare di risalire al proprietario dell’involucro. L’evacuazione, e le successive operazioni della bonifica, non hanno causato ritardi ai voli in partenza e in arrivo.