Burkina Faso, Al Qaeda attacca l’hotel degli occidentali

In Burkina Faso, nella capitale Ouagadaougou, Al Qaeda, stanotte ha attaccato l’Hotel Splendid, dove 3-4 terroristi, dopo un assalto con autobomba, hanno preso in ostaggio alcuni ospiti. Blitz dei militari che hanno trovato una decine di vittime nel vicino bar “Le Cappuccino“, di proprietà di un italiano. Sono 126 le persone poi liberate, tra queste un ministro.

Burkina Faso, Al Qaeda attacca l'hotel degli occidentali

Il governo del Burkina Faso ha annunciato la fine del blitz delle forze speciali per liberare l’hotel degli occidentali attaccato ieri sera da Al Qaeda. Secondo il primo bilancio, 126 ostaggi sono stati liberati e tre jihadisti sono morti. Il ministro della sicurezza e dell’interno Simon Compaore dello Stato africano, ha aggiunto che le forze dell’ordine hanno ripreso il controllo dell’Hotel Splendid e del Cappucino Cafè. Il ministro ha detto che si sta ancora stilando un bilancio delle vittime ed ha parlato di 33 feriti. Nella zona sono in corso controlli negli hotel vicini per assicurarsi che non ci siano altri jihadisti nascosti.

I terroristi, dopo l’esplosione di un’autobomba, intorno alle 20,45 (ora italiana) di ieri sera erano entrati nell’Hotel Splendid, di 147 stanze e nel vicino Le Cappuccino (la cui proprietà è italiana), prendendo in ostaggio decine di persone. Le forze di sicurezza poco dopo le 3 hanno sferrato un contrattacco. Alle 5,30 un ministro burkinabese ha annunciato che una trentina di ostaggi erano stati salvati, tra i quali c’era anche il ministro del Lavoro Clément Sawadogo. In mattinata, però, il contrattacco non era ancora terminato. Alle 7,40 (ora italiana) si è udito infatti uno scambio di colpi di arma da fuoco tra le forze di sicurezza e il commando jihadista trincerato nel caffè Cappuccino.

Il Burkina Faso condivide la partecipazione al cosiddetto gruppo G5 per il Sahel insieme a Mali, Mauritania, Ciad e Niger: un’alleanza regionale contro le formazioni jihadiste, che non hanno confini.