Il nuovo boia Isis, clone di Jihadi John, minaccia la Gran Bretagna

Si potrebbe definire il clone di Jihadi John, il nuovo boia Isis che tramite un video rilasciato ieri da Islamic State, in perfetto inglese ha minacciato la Gran Bretagna e il premier David Cameron. I servizi segreti britannici stanno esaminando il video per scoprire l’identità dell’estremista islamico con accento britannico che imita i gesti e il modo di parlare del terrorista ucciso in Siria nel novembre scorso. Nel video, dove vengono giustiziate anche 5 “spie”, è presente pefino un bambino di circa cinque anni in tuta mimetica che invita, sempre in inglese, a uccidere “gli infedeli”.

Il nuovo boia, clone di Jihadi John, minaccia la Gran Bretagna

L’Isis è in difficoltà, bombardato dalla coalizione e dai russi su più fronti, per questo ha deciso di sfoderare ancora l’arma della propaganda per continuare a seminare terrore. Per farlo ha presentato in un video, il nuovo boia Isis, un “clone” di Jihadi John, al secolo Mohammed Emwazi. Il nuovo jihadista inglese imita nel linguaggio e nelle movenze Jihadi John, il protagonista dello sgozzamento di 6 ostaggi occidentali in altrettanti video, ucciso da un drone Usa proprio a Raqqa lo scorso 12 novembre.
L’uomo era in cima alla “wanted list” delle intelligence di tutto il mondo e fu individuato in Siria grazie alla rete informativa costruita anche dagli agenti segreti italiani.

Il filmato di circa 11 minuti, diffuso dal network jihadista di Raqqa, capitale dello Stato islamico in Siria, si apre con le immagini di cinque prigionieri che dichiarano in arabo di lavorare per gli 007 britannici e di avere filmato e fotografato dei luoghi legati allo Stato Islamico in cambio di denaro. Uno afferma di essere libico, di Bengasi, mentre gli altri dicono di essere originari di Raqqa. Poi spunta il nuovo boia Isis che definisce il premier britannico David Cameron uno “schiavo della Casa Bianca“, un “leader insignificante che ha sfidato” lo Stato islamico. Il boia si rivolge direttamente a Cameron puntando diverse volte la pistola verso la camera. “Britannici, sappiate che vi invaderemo. Pensate che il vostro governo si prenderà cura di voi quando sarete nelle nostre mani?“. “Perderete questa guerra, come avete perso in Iraq e Afghanistan“.
Nel filmato gli ostaggi, vestiti in tute arancioni e fatti inginocchiare nel deserto, vengono uccisi con un colpo di pistola alla testa.