Liverpool: uomo barricato in ufficio sostiene di avere una bomba

Attimi di terrore a Liverpool a causa di un uomo che si era barricato nella Silkhouse Court, un edificio di 14 piani al centro della città inglese. Il sospetto aveva detto di essere in possesso di una bomba e aveva minacciato di far saltare tutto in aria. La polizia è riuscita ad arrestarlo dopo una trattativa durata qualche ora. I media britannici non hanno mai ipotizzato una reale minaccia terroristica.

Liverpool: uomo barricato in ufficio sostiene di avere una bomba

Questa mattina a Liverpool la polizia britannica è intervenuta per fermare un uomo che, entrato in un edificio di uffici del centro, aveva dichiarato di avere con se una bomba e di essere pronto a farla esplodere. La polizia è intervenuta quando alle 10 e 30 di questa mattina era stata avvertita dagli impiegati presenti nell’edificio. Evacuato il palazzo e gli altri edifici nelle vicinanze, la polizia ha anche chiuso il centro della città e ha iniziato le trattative con il sospetto attentatore.

Dopo circa tre ore di trattative la polizia è riuscita ad arrestare l’uomo che è stato portato nel commissariato del Merseyside, per essere interrogato. Nessuno è stato ferito durante l’incidente. Sul posto è arrivata una squadra di artificieri e un elicottero. Sul posto è arrivata una squadra di artificieri e un elicottero. Ancora non ci sono spiegazioni ufficiali sul gesto dell’uomo.

Cessato allarme bomba a Liverpool

I media britannici non hanno mai ipotizzato una reale minaccia terroristica da parte di gruppi islamici. Secondo fonti citate dall’Echo di Liverpool, l’uomo era entrato negli uffici della Silkhouse Court per protestare contro la società di assicurazione di barche Groves, John e Westrup.
Al momento l’edificio resta circondato, mentre gli agenti proseguono i controlli, ma non vi sono conferma del ritrovamento di alcun ordigno.