Pakistan, 15enne reo di blasfemia si amputa la mano da solo

CronacaPakistan, 15enne reo di blasfemia si amputa la mano da solo

Data:

In Pakistan un adolescente, convito di essersi macchiato di blasfemia contro Maometto, ha deciso di amputarsi da solo la mano, rea secondo lui, di aver offeso il nome del Profeta. Nel Paese asiatico, la cui popolazione ammonta a 200 milioni di abitanti, di cui il 97% è di fede islamica, pochi reati sono gravi come quello di blasfemia, che prevede la pena di morte fin da quando è stato introdotto nel 1986 dal dittatore Zia ul-Ha.

n Pakistan,  a Khanqahi, paese della provincia del Punjab, Anwar Alì, un giovane di 15 anni, ha capito male un domanda dell’imam durante una celebrazione religiosa nella moschea del paese. In quell’occasione, Shabir Ahmed, capo della comunità islamica, aveva ricordato ai presenti che coloro che amano il Profeta recitano sempre le preghiere, e aveva chiesto chi delle persone lì riunite, avesse smesso di pregare. Per un apparente malinteso, il minore ha sollevato la mano, provocando le accuse di blasfemia da parte dell’imam e la reazione della folla dei fedeli.

Secondo quanto riferito da una corrispondente del portale “Bbc Mundo“, Alì, dopo aver fatto ritorno a casa, ha messo la sua mano in un macchinario agricolo, tagliandola di netto. Subito dopo, si è ripresentato davanti all’imam offrendogli la sua mano su un piatto in assoluzione del peccato commesso. Subito dopo il ragazzo è svenuto. “Tutti gli abitanti del paese lo stanno celebrando e altri arrivano dalle popolazioni vicine per rendergli omaggio”, ha affermato la giornalista. Un uomo, addirittura, ha abbracciato il ragazzo e gli ha baciato l’unica mano, dicendo che dopo aver sentito che un bambino si era tagliato la mano per amore del loro Profeta si era sentito orgoglioso e felice. L’imam è stato arrestato con l’accusa di aver istigato all’estremismo e al fanatismo religioso, ma poco dopo è stato rilasciato. Anche la famiglia di Anwar ha giustificato l’imam: “Non ha fatto niente di male e non deve essere punito. Siamo così fortunati ad avere un figlio che ama tanto il profeta Maometto. Saremo sicuramente ricompensati da Dio nella vita eterna“, ha dichiarato il padre del ragazzino mutilato.

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Bologna, tragico incidente stradale: morta una 27enne

Tragico incidente stradale oggi registrato nella provincia di Bologna...

Scuola, bimba si sente male: inutile la corsa in ospedale

Ha incominciato ad avvertire un malore mentre ero a...

Zelensky, disponibile a un accordo: una pace senza la Crimea

Zelensky si apre a prospettive di accordo purché la...

Roma, due sorelle anziane muoiono sole in casa

Roma. Trovate morte in casa, le due sorelle di...