Giugliano, Napoli: rapina stile gomorra: “‘O sapimm ca tien’e figl ‘a casa”

Un’altra rapina nella provincia di Napoli, a Giugliano. Minacciati il proprietario e un dipendente della tabaccheria, terrorizzati hanno dovuto eseguire tutto quello che gli veniva imposto dai banditi

Rapina tabaccheria Giugliano: stile Gomorra

La rapina si è svolta in pieno stile Gomorra. I tre malviventi sono scesi dal proprio scooter Liberty, muniti di passamontagna si sono introdotti nella tabaccheria e hanno razziato ogni cosa, dalla cassa, alle sigarette, filtri, cartine e accendini e anche la borsa del dipendente.

Ciò che fa rabbrividire è anche il modo in cui il proprietario è stato minacciato. Pare che i banditi abbiano usato le stesse parole degli attori di Gomorra: “Cacc’ e sord tant o’ sapimm ca tien e figl a cas…“. Ma non è finita qui, perché dopo si sono beffati anche del proprietario chiedendogli: “Famm n’aranciata”.

Intervenuti sul luogo della rapina i carabinieri della Compagnia di Giugliano capitanati dal Antonio De Lise. Già sulle loro tracce, nella villa, poco distante dal locale in cui è avvenuta la rapina, è stata ritrovata la borsa del dipendente, con solo i documenti, e lo scooter che ora è stato posto sotto sequestro.