Caso Yara Gambirasio: Massimo Bossetti annuncia il suicidio

Il muratore di Mapello è l’unico indagato e accusato della morte dell’adolescente Yara Gambirasio, scomparsa da Brembate di Sopra il 26 novembre del 2010 e ritrovata esanime qualche mese dopo in un campo aperto a Chignolo d’Isola.

Lettera dal carcere di Massimo Bossetti pubblicata in esclusiva da Oggi

Massimo Bossetti ha inviato una lettera alla madre e alla sorella, scusandosi per tutto quello che avrebbe fatto alla moglie, Marita. La lettera verrà pubblicata in anteprima domani, dal settimanale Oggi.

Mi auguro solo che un giorno mi possa svegliare accanto a papà (il defunto Giovanni Bossetti, ndr) e non dover più soffrire per niente e lui mai mi abbandonerà in preda allo sconforto e disperazione – scrive Bossetti – Mamma, ora vivo qui dentro momentaneamente, ma non sarà per tanto perché non è degna essere chiamata vita, la vita qui dentro, purtroppo sono costretto nel starci ma non per molto credimi… Io in una maniera o l’altra da qui me ne vado. Lo farò credimi, solo per restare bene una volta per tutte… Mamma e Laura più male di così come posso stare, non preoccupatevi, gli agenti qui mi stanno aiutando insieme ai dottori io comunque ho già in mente le mie idee e nessuno me le farà cambiare.

Massimo Bossetti inizia parlando anche di altre lettere, un altro duro colpo per la moglie. Si tratta di alcune missive che avrebbe inviato ad un’altra detenuta, una certa Gina, dove dichiarava esplicitamente a sue preferenze sugli organi genitali femminili, e che sono venute fuori durante l’ultimo processo: “Mamma e Laura, io so che la farò finita qui dentro, perché non posso accettare tutto quello che ho combinato a Marita e me lo merito davvero per quello che ho fatto“.

I toni della lettera si fanno sempre più drammatici che fanno pensare ad un prossimo tentativo di suicidio:

Mamma e Laura, io ho rovinato completamente la vita di Marita e dei miei figli e non riesco a darmi pace per tutto quello che ho fatto. Ho sbagliato tutto nella vita e ora rimedierò tutto con la mia vita. Me lo sono meritato e ora pagherò con la vita perché non ci dormo con quello che a lei ho fatto, ho sbagliato completamente tutto. Mamma e Laura cercate di capirla che non esiste più nulla in natura che qualcuno o qualcosa possa ridare a me di quanto ho perso e sto perdendo