Beirut: scattano selfie con la tartaruga e la maltrattano

In certi casi, purtroppo, l’idiozia dell’essere umano non ha limiti. Quello che è accaduto ad una povera tartaruga è incredibilmente assurdo. A riportare la notizia è un sito specializzato in Tartapedia.

Beirut: si scatto selfie con tartaruga e poi la picchiano

Il fatto è accaduto a Beirut, in Libano, dove un gruppo di bagnanti ha tirato fuori dall’acqua una tartaruga e ha cominciato a scattarsi dei selfie con l’animale. Non contenti però, l’animale è stato utilizzato anche come “cavallina” per far giocare i più piccoli. Per fortuna alcuni passanti con del sale in zucca hanno avvertito i responsabili di GreenArea che sono intervenuti.

Inoltre questo tipo di tartaruga è anche un animale che rientra nella specie protetta. La tartaruga è stata anche presa a calci e a pugni, ma la Marina Militare è intervenuta solo quando i turisti si sono allontanati. Intanto sopraggiunti i volontari dei Greenarea la tartaruga è stata trasportata in gravi condizioni presso il Centro di Recupero gestito dall’Associazione “Animals Lebanon“.

Intanto Jason Mier, direttore esecutivo di “Animals Lebanon”, ha dichiarato:

Ha subito delle ferite molto gravi sul cranio e sulla parte superiore della testa, lì dove è stata colpito. C’è una depressione evidente sulla testa e l’osso è stato danneggiato. Questo ha condizionato in maniera determinante anche la sua respirazione

Per fortuna Lucky, così l’hanno chiamata i volontari che l’hanno salvata, si sta riprendendo. Per lei è stata allestita una piscina ad hoc. Superata la fase nervosa per gli attacchi da parte dei bagnanti ora dovrà guarire alcune feriti causate all’apparato respiratorio e le leggere escoriazioni sul guscio e alcune contusioni esterne.

Beirut: si scatto selfie con tartaruga e poi la picchiano