La figlia di Johnny Depp: “Un’infezione l’ha quasi uccisa”

La figlia di Johnny Depp, la bellissima Lily-Rose nata dal matrimonio con l’attrice e cantante Vanessa Paradise, è stata colpita da una terribile infezione quando aveva soltanto 16 anni. A raccontarlo è stato proprio il papà in una recente intervista al “The Graham Norton Show”. L’attore de I pirati dei Caraibi ha confessato: “È stato il momento più buio della mia vita“.  Lily-Rose, dopo essersi dichiarata bisex, ha inorgoglito ancora una volta il papà, fiero del suo coraggio e della sua sincerità.

La figlia di Johnny Depp stava per morire

La figlia di Johnny Depp, ad agosto, ha annunciato ai social media di appartenere alla categoria LGBTQ, definendosi “sexually fluid”, che vuole dire non etero al 100%, quindi non etichettabile in base alle categorie consuete. Lily-Rose ha appoggiato la campagna Self Evident, per diffondere il messaggio “We are You” (Noi siamo te). L’intenzione è chiara: non avere paura di dichiararsi per queullo che si è realmente.

Johnny Depp ha commentato così la scelta della figlia: “Ha migliaia di fan sui social media e quando ha fatto coming out sono stati tutti completamente colti di sorpresa. Ma non io, lo sapevo già perché lei mi dice tutto, non ha paura di dirmi le cose. Siamo super legati e sono molto orgoglioso del nostro rapporto. Lily è una ragazza acuta e uno degli esseri umani più intelligenti che abbia mai incontrato. Poi ovvio, non importa quando sia adulta, non smetterò mai di preoccuparmi per lei“.

Ed infatti l’affascinante attore non si è trattenuto nel manifestare commozione durante lo show, quando ha parlato della figlia e della sua improvvisa malattia. E poi ha aggiunto: “Ho sempre amato andare a visitare i bambini in ospedale, ma dopo questo evento ho capito quanto fosse importante aiutarli. I bambini sono molto forti e coraggiosi, per questo un sorriso o un abbraccio ai loro genitori che muoiono di dolore significa tutto per me“.