Orlando: salva i suoi cani dall’incendio, arrestato

Orlando: ci sono persone che farebbero di tutto per i propri amici a quattro zampe, anche rischiare la propria vita per salvarli. Questo è quanto ha fatto Wendell Joyner, che non ha esitato a lanciarsi tra le fiamme della sua casa per salvare i suoi cani rimasti intrappolati. Per fortuna l’uomo è riuscito nel suo intento, ma per lui il lieto fine è a metà: è stato accusato di resistenza all’arresto e condotta disordinata per aver sottratto un’ascia ad un vigile del fuoco.

Mercoledì 20 gennaio, di mattina presto, Joyner si sveglia nella sua abitazione di Orlando avvolta nel fumo. In casa è scoppiato un incendio e per questo l’uomo si precipita fuori casa per chiamare i soccorsi. Quando i vigli del fuoco arrivano, l’uomo si rendere conto che i suoi tre cani sono ancora dentro e che rischiano di morire intossicati o bruciati.
Wendell inizia a urlare e a chiedere ai pompieri di entrare a salvare gli animali, ma nessuno sembra dargli retta. Così, in un impeto di rabbia, prende l’ascia che un vigile del fuoco ha dimenticato a terra, con la quale si dirige verso una delle finestre del piano terreno e la butta giù.

A quel punto, prima di riuscire ad entrare in casa, viene atterrato bruscamente dagli agenti di polizia sopraggiunti sul luogo, e poi arrestato. Nel frattempo, i cagnolini vengono estratti vivi dai pompieri, proprio da quella finestra che Joyner aveva rotto. Un portavoce della polizia ha difeso l’arresto, dicendo ai giornalisti che Wendell era ubriaco. L’uomo però nega e sostiene che l’unica cosa che voleva era salvare i suoi cani. Ora diverse associazioni animaliste si sono schierate in sua difesa.