11.4 C
Napoli
martedì, Novembre 30, 2021

Blitz inglese: la varietà delle versioni governative.

Le storie pi lette

Sono morti ieri i due uomini tenuti in ostaggio in Nigeria dallo scorso 20 maggio! In una prima ricostruzione la stampa ci comunica che sono stati uccisi per mano di un blitz effettuato dalle teste di cuoio inglesi e dalle forze nigeriane. L’operazione ha scatenato l’ira del governo italiano e del premier Mario Monti, il quale ammette di non essere stato chiamato in causa ne lui e nessuna autorità italiana per la decisione ultima e quindi informato direttamente a raid concluso.

Dalle ultime news sembra che Franco Lamolinare e Christopher McManus, le due vittime, non siano in realtà morte durante il blitz, quindi non sono stati uccisi ‘a fuoco incrociato‘ ma dagli stessi rapitori. Lo dichiara uno dei portavoci di Downig Street  durante un briefing con la stampa a Londra: “Gli italiani sono stati contattati , nel momento in cui stava iniziando l’operazione ma la situazione è poi evoluta con grande rapidità“.

D.S. tiene inoltre a precisare: “La nostra valutazione sulla situazione non è cambiata. siamo stati informati fin dall’inizio che entrambi gli ostaggi sono stati uccisi dai loro rapitori“. Sembrava essere un’opzione sul tavolo che non ha riscontrato obiezioni, anche da parte degli italiani.

Il ministro degli esteri William Hauge: “La decisione era in atto ma i tempi sono stato davvero limitati che ci hanno impedito l’informazione preventiva. Pertanto l’Italia è stata informata ad operazione in corso“.

Insomma l’Italia se lo doveva aspettare da un momento all’altro. Sembra che i corpi, trovati senza vita, non risalgono a giorni fa. I rapinatori li avrebbero ammazzati proprio durante il raid. Probabilmente non li avrebbero mai riconsegnati se non morti alle condizioni che richiedevano. Se non di ‘prima mano‘ il blitz ha decretato la loro morte.

I due ostaggi sono stati ammazzati con un colpo ravvicinato alla testa. Il Daily Telegraph, da fonti certe, fa sapere che “Sono stati uccisi prima ancora che le Sbs entrassero nel compound“. Ma sicuro che i rapinatori non avessero scoperto l’immediata azione contro di loro? Questo per ora non è dato sapere e ieri, a Sokoto, sono stati impiegati una quarantina di uomini delle forze speciali britanniche che si trovavano da due settimane in Nigeria. le Sbs (Special Boat Service) composte quasi esclusivamente di Royal Marines, sono state scelte perchè erano l’unità in stand by per operazioni di antiterrorismo.

In Italia non manca la polemica circa le versioni discordanti espresse dal nostro governo e quello britannico che intanto fa sapere che tutti i rapitori coinvolti nell’assassinio sono stati arrestati.

Ma se anche l’Italia fosse risultata favorevole agli occhi degli inglesi, ciò non toglie che ne avrebbe deliberato il più esplicito consenso. Il blitz a sorpresa ha sconcertato tutti e Mario Morti, intanto, ha convocato il Cisr (Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica).

La vittima italiana viveva a Gattinara (Vercelli), dove  ottomila cittadini si sono stretti intorno alla famiglia dell’ingegnere che ha lasciato Moglie e figli di 19 e 16 anni. Il sindaco Daniele Vaglione ha dichiarato lutto cittadino.

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

0
Si fa avanti una nuova ipotesi sul tavolo di governo. I disordini di sabato scorso che si sono verificati a seguito della manifestazione no...
Torino, tremenda esplosione: crolla una palazzina

Torino, tremenda esplosione: crolla una palazzina

0
Nella periferia Torino, in strada Bramafame, un'esplosione ha tirato giù una palazzina di due piano. Lo scoppio registrato alle 9.00 circa di questa mattina,...

Ultimi articoli