Lavitola arrestato: corruzione a Panama

L’ex direttore de “L’ Avanti” Valter Lavitola, non appena rientrato stamane dal Sud America, è stato arrestato dalla polizia di frontiera a Fiumicino, e poi portato nel penitenziario di Poggioreale a Napoli. Lavitola era partito da Buenos Aires con l’intento di costituirsi.

Lavitola è indagato da tre procure, quella di Bari, per l’affare Tarantino, quella di Roma per estorsione ai danni dell’ ex Premier Berlusconi, e da quella di  Napoli. A Napoli Lavitola è indagato per l’affare P4, e per frode fiscale in merito a contributi pubblici per 23 milioni, percepiti da “L’Avanti”. Inoltre, un nuovo ordine di custodia gli è stato notificato per corruzione internazionale: avrebbe ricevuto tangenti da politici panamensi, per la costruzione di carceri a Panama.

Intanto nell’ambito dell’inchiesta che coinvolge Lavitola, un ordine di custodia cautelare ai domiciliari è stato emesso per il senatore del Pdl, ex IdV, De Gregorio. Il provvedimento sarà ora oggetto di discussione per la Giunta dell’immunità. De Gregorio,  indagato per falsa fatturazione e truffa, si difende: “Mi difenderò con le unghie e con i denti”.