Play off Lega Pro: promosse Pro Vercelli e Lanciano


 

Domenica di calcio, e non solo per Euro 2012! Con i play-off Lega Pro si conclude la lunga stagione agonistica, della vecchia Lega di C.

Pro Vercelli e Lanciano in B, Trapani e Carpi restano in prima divisione, questi i verdetti dei play-off Lega Pro. In ambedue i casi hanno vinto le squadre peggio classificate nella regular season, la Pro ha vinto addirittura da quinta forza del girone A, mentre il Lanciano da quarta forza del girone B.

I piemontesi tornano in cadetteria dopo 64 anni, mentre per gli abruzzesi sarà la prima esperienza in B.  La Pro Vercelli è uno dei club più antichi del nostro calcio, fondato nel 1892, e nel suo palmares può contare 7 titoli tricolori, l’ultimo nel 1921-22; tra le sue fila ha giocato Silvio Piola, a cui è dedicato lo stadio cittadino. Nel palmares dei bianchi anche uno scudetto dilettanti conquistato nel 1993-94.

La Virtus Lanciano nata nel 1924, ha una storia meno vincente rispetto alla società piemontese, tant’è che disputerà per la prima volta un campionato di serie B. Nel suo palmares può contare una coppa Italia Eccellenza Abruzzo conquistata nel 1997-98, e uno scudetto dilettanti conquistato nel 1998-99.

I piemontesi dopo aver eliminato in semifinale il Taranto, seconda forza del campionato, hanno superato il Carpi, a loro volta giustizieri del Sorrento. Al Silvio Piola un pareggio senza reti, faceva si che gli emiliani avessero a disposizione due risultati su tre. A sorpresa la Pro ha sbancato lo stadio di Modena, che per l’occasione ospitava il Carpi. Emiliani che dopo due minuti erano passati anche in vantaggio con Ferretti, ma hanno poi subito la rimonta vercellese. Al quinto minuto immediato pareggio di Modolo, nella ripresa Iemmello e Malatesta regalavano la vittoria e la cadetteria alla Pro Vercelli.

Situazione sostanzialmente analoga per l’altra finale, quella del girone B tra Trapani e Virtus Lanciano. Gli abruzzesi in semifinale avevano eliminato l’altra squadra sicula, il Siracusa, mentre il Trapani con un doppio 1-1 aveva fatto fuori la Cremonese. All’andata al Biondi di Lanciano altro 1-1, e per i siculi due risultati su tre a disposizione. In Sicilia come in Emilia, dopo appena due minuti, la squadra di casa in vantaggio, con la rete di Gambino. Come se non bastasse al 13° minuto abruzzesi in 10; la squadra allenata da Gautieri però non si arrende e trova il pari con Pavoletti. Nella ripresa nonostante l’inferiorità numerica, la Virtus Lanciano riesce a trovare due reti, con Sarno e Margarita, che regalano la serie B alla città della provincia teatina.

In B dunque Ternana, Pro Vercelli, Spezia e Virtus Lanciano.

Play-off anche in seconda divisione, nel girone A, il Cuneo dopo il pareggio 1-1 dell’andata, batte la Virtus Entella 5-2 e vola in prima divisione.

Nel girone B ritorna in I divisione, dopo un solo anno la Paganese, che dopo la vittoria in Campania per 2-0, pareggia 0-0 a Chieti.

In I divisione salgono quindi: Treviso, San Marino, Cuneo, Perugia, Catanzaro e Paganese.

Play-out di seconda divisione, dopo lo 0-0 in calabria tra Vibonese e Mantova, vittoria netta dei virgiliani per 4-0. I calabresi retrocedono in serie D, assieme a Valenzana, Sambonifacese, Montichiari, Lecco, Celano, Ebolitana, Isola Liri, Neapolis.

Infine conclusi oggi anche i play-off di serie D, che pur non garantendo la promozione in II divisione, offrono ottime possibilità, in caso di ripescaggio. Sul campo neutro di Arezzo, il Cosenza batte in rimonta il San Donà Jesolo per 3-2.