Troppo zucchero danneggia la memoria del nostro cervello

Troppo zucchero danneggia il cervello, ferma la riproduzione delle cellule staminali dell’ippocampo, il centro nervoso dei ricordi. Queste cellule sono fondamentali per le funzioni di apprendimento e memoria. Questo è quanto dimostrato da uno studio condotto presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e pubblicato sulla rivista Cell Reports. Al contrario, una dieta povera di calorie aumenta il numero di cellule staminali del cervello che aiutano memoria e capacità di apprendimento.

Il consumo eccessivo di zuccheri e una dieta squilibrata possono causare problemi all’attività cerebrale. A confermare la notizia sono i ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore presso la sede di Roma, in collaborazione con i ricercatori dell’Istituto di Fisica. Infatti, in caso di consumo eccessivo di zucchero le cellule staminali del cervello non sono più in grado di riprodursi e quindi non riescono a garantire il necessario ricambio di neuroni nell’ippocampo.

Abbiano inizialmente esaminato – spiega Giovanni Pani, che insieme a Claudio Grassi ha guidato la ricerca – cosa avviene in provetta quando le cellule staminali neurali sono esposte a un eccesso di zucchero. Questa condizione impedisce alle staminali di autorinnovarsi. In sostanza – precisa – un eccesso di zucchero brucia le riserve cellulari che servono al cervello per produrre nuovi neuroni. Quindi, temiamo che chi consuma troppo zucchero presenti una minore rigenerazione neurale con un conseguente impatto negativo sulle sue performance cognitive“.

La ricerca svela dunque uno dei motivi per cui una dieta scorretta e troppo ricca di zuccheri raffinati come quelli presenti in dolci, bibite, cibo spazzatura, deteriora le performance cognitive.

Aggiungi un commento!