Ragusa: ritrovato il corpicino di Andrea Loris Stival, 8 anni

andrea-lorsi-stival-trovato-morto-in-un-prato-a-ragusa-siciliaRAGUSA – La prima autopsia non ha rilevato segni evidenti di violenza sul corpicino del piccolo Andrea Loris Stival, 8 anni, scomparso nella mattinata di ieri a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. La madre del piccolo Andrea, come ogni mattina, lo aveva accompagnato a scuola, ma il bambino pare non sia mai entrato in classe. Ieri Andrea a scuola non voleva proprio andarci e pare che già altre volte abbia “bigiato” le lezioni. Poi la triste scoperta dalla mamma, 25 anni, alle ore 12,45 si era recata all’uscita della scuola per prendere il figlio, che frequentava la terza elementare, senza trovarlo. L’allarme della sua scomparsa è stato immediato, le forze dell’ordine hanno invitato i cittadini a collaborare nelle ricerche e a comunicare qualsiasi segnalazioni, anche anonime, che servissero a ritrovare Andrea. I vigili urbani hanno sospeso i turni per cercare il bambino. In campo anche la Protezione civile. La zia, con la foto in mano, lanciava appelli in lacrime.

A intravedere in un canneto il corpicino senza vita di Andrea è stato un cacciatore del luogo. La moglie gli aveva chiesto di dare il suo contributo e il cacciatore stesso ha dichiarato: “Se avessi potuto dargli la mia vita – ha detto – lo avrei fatto”. Così la pattuglia della polizia è giunta sul luogo per tutti gli accertamenti del caso e non escludono ancora la pista della pedofilia e dell’omicidio: “Il bambino difficilmente sarebbe potuto arrivare a piedi fino a quella contrada isolata senza essere visto. –– Ha detto il comandante provinciale Carabinieri di Ragusa, colonnello Sigismondo Fragassi  – Comunque stiamo valutando anche altre ipotesi“. Andrea potrebbe non essere entrato in classe e in qualche modo “agganciato” da qualcuno. La mamma, casalinga di 25 anni, è sotto choc. Il padre, 30 anni, autotrasportatore, è stato raggiunto dalla triste notizia mentre si trovava a Roma per lavoro.

IL FURGONE SOSPETTO – Come riporta ilgiornale.it, da qualche tempo nella cittadina in provincia di Ragusa corrono voci di un furgone bianco sospetto che alcuni giurano di aver visto aggirarsi vicino alle scuole. Tuttavia le indagini sono appena iniziate e tutto è ancora da chiarire.

UPDATE 14:48 – Nelle ultime ore pare sia stata depositata una testimonianza. Andrea passeggiava in paese senza zaino verso le 9 del mattino: è quello che ha raccontato agli investigatori la nuora di un’amica del nonno. Intanto gli agenti hanno visionato le riprese del sistema di sorveglianza di un panificio ed hanno verificato che la mamma, dopo averlo lasciato, ha poi accompagnato all’asilo l’altro figlio di 4 anni.

Chi indaga è convinto che Andrea, di soli otto anni, sia morto nel canale per la raccolta dell’acqua piovana dove è stato trovato. “Al momento, non può essere escluso alcun tipo di ipotesi”, affermano carabinieri e polizia di Stato, confermando che , per chiarire la causa del decesso, è stata eseguita “l’autopsia sul corpo del bambino, così come richiesto dalla Procura di Ragusa”. Tra poco sarà effettuato un nuovo sopralluogo sul luogo del ritrovamento per ricercare elementi utili a indagini.