Un nuovo lutto nel mondo dello sport, questa volta nel volley al femminile. Si tratta di Giulia Albini, trentenne giocatrice dell’Ornavasso il club appena promosso in serie A2, si è tolta la vita la scorsa notte, gettandosi nel Bosforo dal ponte di Fatih Sultan Mehmet che collega Asia ed Europa. Il suo corpo è stato ritrovato da un pescatore a Kandili, la pallegiatrice si trovava a Istanbul, e in base alla ricostruzione della polizia sembrerebbe aver prima noleggiato un automobile dirigendosi direttamente nel luogo in cui aveva deciso di porre fine alla sua vita lanciandosi da un’altezza di circa settanta metri. Probabilmente è morta sul colpo schiantandosi nell’acqua come se fosse pavimento. Tuttavia restano ancora sconosciuti i motivi del folle gesto.

Intanto sul suo portale si legge: “Un ricordo speciale va a Giulia, al suo sorriso, a tutto cio’ che hai dato agli altri e a noi. Saremo sempre grati di aver condiviso con te un tratto del cammino della nostra vita. Ciao. Riposa in pace“. E la squadra non può fare altro che pubblicare una nota di cordoglio per la giovane sportiva “Ringraziamo tutti per la vicinanza, la solidarieta’ e il cordoglio che ci hanno raggiunti in queste ore. È un momento di profonda tristezza, di costernazione, di incredulita’. Un momento nel quale le parole perdono di significato e si rendono inutili. Ci uniamo all’immenso dolore della famiglia Albini, che ha bisogno di tranquillita’ e dell’amicizia delle persone care“.

La notizia è stata divulgata anche dai quotidiani turchi Hurryet e Sabah, sottolineando che le indagini sull’accaduto sono ancora in corso.

Ricordiamo che Giulia Albini aveva iniziato la sua carriera sportiva all’età di undici anni, passando per Oleggio, Trecate, Busto Arsizio e infine le api dell’Ornavasso, ma anche Svizzera e soprattutto a Bellinzona sono esperienze importanti. Il suo momento più felice è stata la stagione 2005/2006 nella Dimeglio Brums Busto Arsizio, dove aveva giocato con la maglia numero 5 da palleggiatrice. E sembra assurda la notizia del suicidio proprio adesso che il suo club (l’Ornavasso, squadra piemontese) è stato promosso in A-2.

La pallavolo saluta Giulia con il cuore infranto e con la rabbia di non averla capita!

 

Aggiungi un commento!