F1 2014: Tutte le novità della nuova stagione

f1

F1 – Appena archiviata la stagione 2013 di F1 con la vittoria del quarto titolo mondiale consecutivo per Sebastian Vettel e la sua Red Bull, che nei piani alti del circus già si lavora affannosamente per la prossima annata. Molte le novità che bollono in pentola, alcune già confermate altre ancora ferme al vaglio di chi di dovere, una cosa è certa si punterà ad abbattere i costi e ad aumentare lo spettacolo in pista.

F1 2014 – Partiamo dai tracciati che ospiteranno le monoposto nella stagione 2014, per ora secondo le prime bozze i circuiti dovrebbero essere ben 22 (record assoluto nella storia della Formula 1). Inizio come è ormai consuetudine da alcuni anni a Melbourne in Australia all’Albert Park il 16 Marzo, game over invece fissato per il 30 Novembre nel circuito di Interlagos nella periferia di San Paolo in Brasile. Tanti i nuovi tracciati aggiunti al calendario che di seguito andiamo ad enumerare:  Gran premio d’America nel New Jersey al Port Imperial Street Circuit (1 Giugno), Gran Premio d’Austria a Spielberg bei Knittelfeld sull’Österreichring Circuit (22 Giugno), Gran Premio di Russia a Sochi sul circuito cittadino (5 Ottobre) e infine il Gran Premio del Messico nella periferia di Città del Messico sull’Autodromo Hermanos Rodríguez (16 Novembre).

NOVITÀ TECNICHE –  Per quanto concerne invece le novità tecniche, per abbattere i costi in Formula 1 hanno pensato bene di ridurre la potenza dei motori. Si passerà infatti dal V8 2,4 L a un V6 1,6 L, turbo dotato di un sistema di recupero energia (ERS) che concede al pilota per 33 secondi a giro un surplus di 160 cavalli, al driver basterà premere un semplice pulsante sul volante per azionare questo nuovo congegno che sommato al KERS e al DRS si spera possa far aumentare esponenzialmente lo spettacolo in pista. Diminuiti anche il numero di cavalli che passeranno dai 750 del 2013 a 600, ridotto anche il numero di propulsori disponibili nell’annata, saranno infatti solo 5, quindi è implicito che l’affidabilità avrà un’incidenza pesante nell’economia del prossimo mondiale di Formula 1. Il cambio passerà da 7 a 8 marce, e novità importanti ci saranno anche nell’aerodinamica, le nuove monoposto infatti probabilmente saranno un po’ “bruttine”, l’altezza massima del musetto è stata infatti ridotta da 55 cm a 18 cm, la larghezza massima dell’ala anteriore sarà invece ridotta da 180 cm a 165 cm. Inoltre verrà ridotto anche il quantitativo massimo di carburante utilizzato in un singolo weekend che scenderà a 100 Kg contro i 160 Kg della passata stagione. Infine secondo il settimanale Autosport le vetture dal prossimo anno potrebbero essere obbligate a fare almeno due pit stop e a montare per metà gara le gomme dure e per non più del 30% quelle morbide così da ridurre l’incidenza della gestione dei pneumatici nelle gare. La questione verrà discussa a Dicembre dallo  Strategy Group, l’organismo formato da 18 membri di cui fanno parte FIA, Formula One Management  e 6 team (Ferrari, Red Bull, Mclaren, Mercedes, Williams e Lotus).