Montmartre a Pavia: Edgar Degas

Andrà di scena a Pavia, nelle Scuderie del Castello Visconteo dal 17 settembre fino al 18 dicembre 2011, la mostra "Degas, Lautrec, Zandò. Le folies de Montmartre" che tenta di ricreare l'atmosfera di Montmartre dell'ultimo venticinquennio del XIX secolo, mettendo in scena opere di Lautrec, Degas e Zandomeneghi.

CAPITOLO 2 : LE BALLERINE DI DEGAS 

"Voi avete bisogno di una vita naturale; io di una fittizia"  cosi diceva Degas a Pissaro. Un mondo fittizio quello di Degas, che viveva nella sua mente e che l'artista si divertiva a mostrare da diversi punti di vista. Come una telecamera impazzita il suo sguardo si posiziona dappertutto. Sotto, sopra, destra, sinistra. Egli era capace di fermare un istante da qualsiasi punto volesse. Le sue ballerine sono seducenti donne prive di anima, ritratte in pose aggraziate o immortalate in riposo ad ascoltare le parole del loro maestro. La luce ne accende i volti e ne sfuma i contorni mentre il colore della pelle diventa un tutt'uno con il bianco dei vestitini. Sono fiori le ballerine di Degas. Colori pastello ne suggeriscono il profumo. 

Altre donne riempiono le tele del pittore, sedute nei caffè o spiate nei momenti di intimità, sembrano più vive rispetto alle ballerine, forse sono le medesime, ma stavolta c'è la sensazione di un loro ritorno alla realtà.