Caldo: Nerone e i 44°C in arrivo lunedì. Alluvioni e piogge al Nord

Come già annunciato dalle previsioni meteo, il Paese, soprattutto il sud riversa in un caldo infernale con temperature tra i 35-36 gradi e con l’arrivo di Nerone, l’ennesimo anticiclone africano, la situazione peggiora: da lunedì caldo record al centro-sud, picchi fino a 44 gradi. Ma nel frattempo al Nord è maltempo: devastato da violenti temporali, soprattutto sull’alta valle Isarco e in Alto Adige. Il primo bilancio delle forti piogge è di due donne morte: una 84enne di Avenes, dove una frana l’ha travolta e uccisa, il corpo è stato recuperato durante la notte. Un’altra donna, invece, Hedwig Aucknthaler, 89 anni è morta a Tulve, il suo corpo è stato estratto dalle macerie all’alba.

PROTEZIONE CIVILE – E’ subito scattato l’allarme della protezione civile. La situazione è critica soprattutto in val di Vizze, nel paese di Prati, e la linea ferroviaria del Brennero è stata chiusa per motivi di sicurezza. Inoltre, sempre ad Avenes, 4 persone che si trovavano in due automobili e un motociclista sono rimaste bloccate in un tunnel per diverse ore, a causa di una frana che ne bloccava il passaggio. Oltre 150 persone sono state evacuate dalle loro abitazioni e fatte alloggiare in una palestra multifunzionale di Vipiteno. Al momento sono 500 i vigili del fuoco in servizio per sostenere l’emergenza.

Il presidente Luis Durnwalder, giunto sul luogo, ha fatto il punto della situazione alle 10: «Sono state colpite una cinquantina di case, circa 500 persone delle diverse forze di intervento hanno lavorato da ieri sera e per tutta la notte. Ora sono state avviate le operazioni di sgombero, solo in serata sara’ possibile una prima stima dei danni»