Sgarbi e suo figlio, scontro in diretta: “tre figli per sbaglio”

vittorio-sgarbi-e-suo-filgio-carlo-brenner

Nel 2011 padre e figlio si incontrarono in televisione per una lunga chiacchierata. Il programma in cui erano ospiti Vittorio Sgarbi e il figlio Carlo fu un flop e subito cancellato, ma in quel “face to face” fu lo stesso Carlo Brenner a dichiarare: “Il genitore è quello che ti crea, il padre è quello che ti guida. Chi vuole essere padre deve farsi riconoscere come tale“.

Oggi si torna a parlare dei due “filosofi” in diretta al Maurizio Costanzo Show, presenti in studio anche Belen Roudriguez e Stefano De Martino, e quando si tocca l’argomento sulla “paternità” la tensione si fa alta. Sgarbi dichiara di aver avuto “tre figli per sbaglio”, e il figlio Carlo ribatte: “Mi sembra impossibile avere tre figli per sbaglio, mi sembra adolescenziale” e così è scontro tra padre e figlio. Così la risposta del critico d’arte è molto forte:

Puoi averne anche sei di figli senza volerlo. Dipende, che discorso è? Ho avuto tre figli senza aver voluto mai essere padre, è stata una mancanza di prudenza. Tua madre smise di prendere la pillola, senza dirmelo. Il quadro è molto complesso.

Vittorio Sgarbi prosegue:

Io non ho deciso né di avere né di non avere, ho detto che non voglio essere padre. Nella mia visione, voglio morire senza aver avuto figli.

Nel momento in cui gli viene chiesto se ama suo figlio, lui risponde:

Amore? Amo i miei figli? Questo me lo tengo per me. Amore è una questione di pudore, io amo e non racconto a te chi amo. Ribadisco, quindi: io non voglio essere padre, lo sono diventato e mio figlio mi chiama genitore. L’ho messo al mondo, ma non mi sento padre ma voglio bene ai miei figli. E voglio bene anche a Platinette (scherza, ndr).

Carlo Brenner chiude poi l’argomento:

Io stimo mio padre, perché è riuscito a fare della sua passione il suo lavoro. Lui è una persona che non smette mai di lavorare, questo gli da un’intelligenza grande ed ha la mia stima. Dal lato emotivo, mi fa molto tenerezza perché mio padre è un uomo che non è mai diventato padre, ma è sempre rimasto figlio. Ho tenerezza, perché credo che lui ha perso quest’occasione, può ancora fare figli ma intanto ha un figlio, primogenito che sono io, poi ha altre due figlie, squisite. Lui ci ha, ma ha perso gli anni migliori e forse dovrebbe recuperarli.