Rosy Bindi eletta Presidente Antimafia, Pdl contesta

rosy-bindi-presidente-antimafia

Rosy Bindi è Presidente dell’Antimafia, ma il Pdl si oppone. Sono stati 25 i voti favorevoli, mentre altri 8 hanno votato per Luigi Gaetti del Movimento 5 Stelle anche se intorno a ciò sono sorte aspre polemiche. ”Il mio primo impegno sarà quello di cercare di superare questa fase di concreta difficoltà con il Pdl perché tutti dobbiamo unirci nella lotta alla mafia’. Queste sono state le parole di Rosy Bindi dopo aver ricevuto l’incarico di Presidente della commissione Antimafia. Spero che tutti si adopereranno per sanare questa frattura. Mi auguro anche che chi oggi non ha partecipato al voto riconosca che oggi c’è stato un voto. Se tutti insieme faremo un piccolo passo, potremo dire che siamo qui per combattere la mafia e non per farci la guerra tra di noi” ha aggiunto Bindi. Ma il Pdl contesta l’elezione affermando che la Bindi non ha rispettato i patti. “Il comportamento del Pd è inaccettabile perché ha eletto da solo il Presidente della commissione Antimafia” ha detto Fabrizio Cicchitto del Pdl. E’ sembrata dunque una forzatura al gruppo di centro destra questa elezione del Presidente Antimafia, ma la Bindi si dice più che mai decisa ad andare avanti senza voltare le spalle a quei 25 che l’hanno votata.