Paralimpiadi 2012: il bronzo di Annalisa Minetti, 1500 metri di gioia

PARALIMPIADI 2012 – Non c’è che dire, Annalisa Minetti è una abituata a vincere e dopo le conquiste sanremesi nel 1998 come ‘nuove proposte e nel 2005 duettando con Toto Cutugno, vincendo la categoria ‘Classic’, adesso arriva il bronzo nelle paralimpiadi di londra 2012. L’artista sportiva dichiara: “Sono venuta qui per questo bronzo e ci sono riuscita”, per la categoria 1500 m.

La Minetti, con la sua guida Andrea Giocondi, si aggiudicata un meritatissimo terzo posto dietro la russa Pautova e la spagnola Congost (ipovedenti, gareggiano senza guida). Annalisa vince impostando un nuovo record mondiale della classe T11 (non vedenti) col tempo di 4’48’’88. Nessuna più veloce di lei e poco importa se non ha un curriculum da sportiva la sua risulta comunque una vittoria caparbia e ci tiene a sottolineare che ‘Tutto è possibile, ed io ne sono la dimostrazione‘.

La guida Giocondi ha dichiarato: “Siamo partiti troppo forti volevamo fare la gara sulle prime due ma ci siamo accorti che era impossibile, andavano troppo forte. Questo bronzo non è un punto d’arrivo, si può fare meglio se sapremo gestire meglio la tensione. Annalisa da una settimana era agitata come solo io posso sapere”.

Appena dopo la vittoria il marito di Annalisa, Gennaro Esposito, da sempre inseparabili, ha cercato di raggiungerla forzando il cordone di sicurezza per abbracciarla, ma non ci è riuscito. Prima le premiazioni e poi sicuramente Gennaro sarà stato il suo primo pensiero, come precisa in ogni sua intervista quando si parla del marito.

Racconta Annalisa: «Immaginavo questa gara esattamente come è andata. L’avevo vista esattamente così. Volevo che la ceca Sedlackova mi stesse dietro, così quando ai 400 metri ha lanciato la volata, siamo partiti a ruota anche noi. Le mie due rivali sul podio non sono inarrivabili, a Rio proverò a batterle sulla distanza degli 800 metri, per stasera va bene così».