Francesco Barbato, Idv: “A nome dei giovani italiani avete rotto i c…” (VIDEO)

Francesco Barbato (Idv) è noto soprattutto per il suo linguaggio colorito e stavolta, in parlamento, in men che non si dica, è diventato il paladino, l’eroe di tutti i giovani italiani, molti dei quali definiscono questo video come ‘liberatorio‘. Ed è subito tam tam sui social network come facebook, twitter e per non parlare di youtube.

L’argomento oggetto della discussione era quello sulla spending review (operazione di revisione della spesa pubblica); glie ne canta quattro a quelli della maggioranza parlamentare: “A nome dei giovani italiani vi dico che questa maggioranza ha rotto i c…“, ed è così che il deputato, già autosospeso dai lavori d’Aula, è stato invitato a lasciare le sedi del Parlamento dal presidente della Camera, Gianfranco Fini, per aver assunto un “linguaggio da trivio“.

Evidentemente il suo modo di esprimersi ha dato davvero fastidio, ma chi può mai dimenticare le mega risse accadute da sempre in Parlamento? In quei casi bisognava mandare fuori l’intero Parlamento e magari rieleggere nuovi politici dal primo all’ultimo. Tuttavia dopo il cartellino rosso di Fini saranno i Questori di Montecitorio a stabilire le conseguenze dell’accaduto.

Uno degli ultimi interventi pubblici di Barbato risale a qualche giorno fa, durante la ‘sagra delle ciliege per la soliderietà‘ ospitata dalla cittadina di Chiaiano (Napoli) ove sul palco non le ha mandate certo a dire ma denunciando i vari contraddittori politici che siedono sulle poltrone della amministrazioni comunali campane.

I ‘più’ dall’aula continuavano ad urlare “Fuori, Fuori…” e in risposta l’onorevole non è sembrato affatto pentito di quanto dichiarato, anzi ha mostrato bene il suo dito medio a tutti i colleghi che lo stavano contestando. Tuttavia è un atteggiamento da non assumere nonostante l’inclinazione naturale ad un determinato tipo di linguaggio. Intanto poco dopo lo ‘show’, un dipietrista collega, Antonio Borghesi, è intervenuto porgendo le proprie scuse a tutti: “Mi scuso con tutti i colleghi per uno spettacolo indecoroso“.