La ricetta alla crisi economica è made Iceland

editorialeLa ricetta alla crisi economica è made Iceland

Data:

CRISI – Molti stati sono vittima di questa bolla speculativa finanziaria, che sta portando al fallimento Nazioni come Grecia, Portogallo, Spagna e la nostra amata Italia, ma c’è chi da questa crisi ne è già uscito senza aver avuto possibilità di comunicare al mondo la ricetta di questo male. Parliamo dell’Islanda uno stato ricco e industrializzato, dichiarato in bancarotta e che contro ogni previsione della BCE e del FMI ha affrontato la crisi finanziaria, eliminando il governo conservatore ed eleggendo uno nuovo con la stesura di una nuova Costituzione costituita online con idee innovative e con il coinvolgimento popolare di ogni islandese. Una vera e propria ribellione democratica, che fa tremare le poltrone dei fautori delle politiche economiche europee attuali.

Ma il vero segreto sta nel aver applicato misure opposte a quelle ritenute inevitabili dai potenti che governano l’Europa, nonostante la pressione di Inghilterra e Olanda, nonostante i ricatti dei banchieri. Nessun intervento o salvataggio da parte di Bce o Fmi, ne tantomeno cessione della propria sovranità a nazioni straniere come avvenuto in Italia, Spagna e Grecia, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione, con cittadini coscienziosi e non politici, con una piccola economia aperta, con un giornalismo investigativo libero, con la svalutazione della propria moneta, il rilancio dell’esportazione e con regole più ferree ai nuovi tentativi di speculazione finanziaria chiudendo le porte a tutti quegli avvoltoi internazionali come l’FMI e facendo pagare ai responsabili i costi e i rischi delle speculazioni.

Come riporta il portale ilcambiamento.it: “In Islanda è stato riaffermato un principio fondamentale: è la volontà del popolo sovrano a determinare le sorti di una nazione, e questa deve prevalere su qualsiasi accordo o pretesa internazionale. Per questo nessuno racconta a gran voce la storia islandese.” E chissà quando la nostra amata Italia si sveglierà da questo incubo!!!

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Vecchioni & co: 5 vip che hanno insultato il Sud

Vecchioni & co: 5 vip che hanno insultato il...

Mamma li Turchi!

La tensione tra Turchia e Russia, dopo l'abbattimento di...

Paura attentati non riduciamoci a “Portone rubato porta di ferro”

Dopo gli attentati di Parigi del 13 novembre scorso,...

1992, la serie che rievoca le macerie

Fosse stata una sterile docu-fiction relativa all’inchiesta ‘Mani pulite’,...