Bar subacqueo: ecco cosa si sono inventati in Messico

Bar subacqueo. Chi l’avrebbe mai detto che prima o poi sarebbe nato? Ebbene si, è proprio realtà. Altro che crisi del turismo: se ci si inventa strategie come questa, impossibile non viaggiare. In Messico è nato il primo bar subacqueo. Mai sentito nominare, vero? Si, perché in effetti è il primo al mondo. La Sirenetta sembrava solo un cartone e, invece, pian piano ci stiamo apprestando ad attrezzarci per vivere anche sott’acqua.

Bar subacqueo: ecco cosa si sono inventati in Messico

Bar subacqueo: ecco dove si trova

Il primo bar subacqueo mai esistito al mondo è stato inventato proprio in Messico a Puerta Maya, nell’isola di Cozumel. Si tratta di una vasca enorme di 59 mila litri nella quale è possibile entrare per godersi un sano cocktail di…ossigeno! Si, perché questo particolare bar, non offre alcun tipo di bevanda ma la permanenza sott’acqua per respirare dell’ossigeno aromatizzato al limone o alla menta indossando l’elmetto.

Respirare un’alta concentrazione d’ossigeno è molto salutare ed ha grandi benefici: migliora il sistema immunitario, riduce lo stress, aumenta la concentrazione e, sembra quasi uno scherzo, diminuisce anche gli effetti della sbornia. Come passare il tempo, se non è possibile bere, allora? Semplice: con giochi da tavolo, balli o una gara di bolle tra i clienti del locale originale. Buon divertimento!